Una community digitale per promuovere Fano come destinazione turistica

Una community digitale per promuovere Fano come destinazione turistica

FANO – Organizzare una community digitale per promuovere Fano come destinazione turistica. Con questa intenzione l’Assessorato al Turismo del Comune di Fano comincia a dare corso a quanto emerso nei tre incontri di Strategie per la promozione turistica della città, organizzato nei mesi da dicembre 2016 al marzo scorso.

In attesa di fare una sintesi dei lavori svolti, con un nuovo incontro dedicato, l’Assessorato al Turismo ha recepito l’urgenza, palesata innanzitutto da Josep Ejarque, di riorganizzare e rendere più efficiente, con il concorso di tutti gli operatori di Fano e del territorio (non solo del comparto specificamente turistico), la comunicazione social della città: della sua offerta culturale, turistica, enogastronomica, naturalistica, della produzione artigianale di qualità ecc.

E’ risaputo e soprattutto certificato che oggi l’85 % dei turisti sceglie la propria destinazione via internet, stimolato sovente da una informazione che non ha cercato, ma che ha acquisito, “passivamente” attraverso la frequentazione dei canali social e successivamente verificata.

Una valida azione di social e web marketing della città deve essere una pratica necessariamente condivisa. Non può essere risolta a livello istituzionale con l’aggiornamento quotidiano o settimanale di pochi contenuti promozionali. Di contro una valida azione di social e media marketing si nutre del lavoro di un’intera comunità, eterogenea e multisettoriale. Orientata a target diversi. Semplicemente basta che ciascuno adotti semplici accorgimenti nell’utilizzo della propria pagina facebook, instagram, youtube ecc.

Di questo tratterà Sandro Giorgetti, responsabile del Social Media Team della Fondazione Marche Cultura della Regione Marche giovedì 6 aprile dalle ore 9 alle ore 13 alla Memo – Mediateca Montanari di Fano.

All’appuntamento, comunque aperto a quanti interessati, sono stati invitati tutti gli operatori del settore turistico, i rappresentanti delle associazioni di categoria, il mondo dell’associazionismo culturale.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it