Concerto del Coro Polifonico David Brunori di Moie all’Abbazia di San Firmano

Concerto del Coro Polifonico David Brunori di Moie all’Abbazia di San Firmano

MOIE – Come da  consuetudine il Coro Polifonico “David Brunori” di Moie, prosegue a ritmo sostenuto l’attività concertistica. Terminato infatti il ciclo di esibizioni per le festività natalizie e di fine anno, con il concerto tenutosi domenica 22 gennaio a San Marcello, che ha visto impegnati sia il coro degli adulti che quello delle voci bianche, è già tempo per un nuovo impegno, che si terrà venerdì 10 marzo, nell’ambito delle festività patronali, all’Abbazia di San Firmano di Montelupone.

In questa occasione, si esibirà il coro degli adulti che presenterà un programma dal repertorio quanto mai vasto, a partire da brani di carattere sacro e più  intonati al tempo quaresimale, come lo “Stabat Mater” del musicista ungherese Zoltan Kodaly e il “Signore dolce volto” di J. S. Bach, per passare poi alla splendida “Missa Brevis” di Charles Francois Gounod. Ci saranno brani gospel, tra cui possiamo citare “Open the eyes of my heart” scritto dall’autore statunitense Paul Baloche e “Down by the river side”, un inno contro la guerra, brano arrangiato da altri due autori statunitensi, Lon Beery e Pamela Perec Lee, e basato su uno spiritual tradizionale della popolazione afro-americana. Iinfine il concerto si concluderà con i toni più lievi sia del “Con te partirò”, di Andrea Bocelli, che di “Un bacio a mezzanotte” canzone composta nel 1952, per lo spettacolo musicale “Gran baraonda”, dal celebre duo di commediografi Pietro Garinei e Sandro Giovannini sulla musica di Gorni Kramer.

Il coro polifonico “David Brunori” sarà diretto  dal Maestro Alessandro Benigni. Elencare il curriculum del Maestro Benigni, richiederebbe qui troppo spazio, giovi solo ricordare fra i suoi titoli il diploma “magna cum laude” in pianoforte ottenuto al conservatorio “Gioacchino Rossini” di Pesaro e quello in direzione d’orchestra ottenuto presso la “Reale Accademia Filarmonica” di Bologna. Fra i suoi concerti e collaborazioni teatrali con grandi artisti internazionali ricordiamo solo quelli con il sommo Maestro Riccardo Muti, ed infine per citare la sua attività internazionale ricordiamo che fin dal 1994 è collaboratore, per la preparazione musicale delle opere liriche, delle università musicali di Tokio in Giappone.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it