“Anche a Fano occorre fermare il racket dell’accattonaggio e dei parcheggiatori abusivi”

“Anche a Fano occorre fermare il racket dell’accattonaggio e dei parcheggiatori abusivi”

"Anche a Fano occorre fermare il racket dell'accattonaggio e dei parcheggiatori abusivi"di STEFANO POLLEGIONI*

FANO – La mozione presentata in Consiglio comunale dal consigliere di Forza Italia Stefano Mirisola sui parcheggiatori abusivi è pienamente condivisibile perché descrive una situazione di illegalità così diffusa che sembra quasi naturale. Eppure esistono precisi strumenti legislativi che favorirebbero il lavoro delle Forze dell’Ordine

Pertanto chiediamo al sindaco Massimo Seri di emettere subito una ordinanza contro l’accattonaggio ed i parcheggiatori abusi. Qualche tempo fa proprio su proposta di FdI il Prefetto Luigi Pizzi aveva mostrato ai Sindaci come l’art.  54 del testo unico degli Enti Locali disponga, in sintesi, la possibilità di concorrere nell’assicurare la cooperazione della Polizia Locale con le Forze dell’Ordine. Inoltre i Sindaci hanno la possibilità di emettere una ordinanza specifica che permetterebbe l’intervento delle Forze dell’Ordine così come recentemente fatto dal Sindaco di Pesaro Matteo Ricci.

Avevamo già avvisato il Sindaco Seri che in seguito all’ordinanza pesarese sull’accattonaggio si sarebbe aperta una fase di colonizzazione di Fano poiché gli extra-comunitari, “disturbati” dalle Forze dell’Ordine a Pesaro, si sarebbero riversati a Fano, una nuova isola felice dell’accattonaggio.

L’accattonaggio non va sottovalutato perché spesso non si tratta di povere persone in cerca di qualche spicciolo ma è una attività gestita da gruppi criminali organizzati che sono molto pericolosi. Inoltre il problema dell’accattonaggio non si limita ai parcheggi, poiché il racket è formato da una rete che copre i piazzali delle chiese ed i supermercati e non è raro vedere diversi gruppi che competono per spartirsi il territorio ed il lucroso mercato delle offerte. Dietro al singolo che chiede elemosina si nascondono spesso reti criminali organizzate da capi ed esattori.

Oltre alla problematica prettamente criminale vi è quella erariale poiché tutti conoscono la pratica dei parcheggiatori abusivi che tentano di riciclare gli scontrini del parcheggio già utilizzati fornendoli agli automobilisti in cambio di una mancia. Il danno alle casse comunali è evidente senza tralasciare il fatto che in mancanza di mancia ci si può ritrovare con la macchina rigata. Quello del parcheggiatore è divenuto un vero e proprio lavoro esentasse. Ciò che, ad occhi esterni, sembrerebbe solo la presenza di qualche immigrato nei parcheggi è un vero e proprio racket organizzato dove ci si spartiscono le zone e le mansioni.

Approfittiamo della mozione presentata dal consigliere Mirisola per ricordare al sindaco Massimo Seri ed all’assessore alla legalità Mascarin che è veramente giunto il momento di organizzare un tavolo tra l’Amministrazione comunale di Fano e, soprattutto con le Forze dell’Ordine, per giungere alla elaborazione di una specifica ordinanza capace di affrontare ed arginare il problema del racket dell’accattonaggio.

*Coordinatore FDI/AN   Fano – Delegato provinciale FDI Sicurezza

 

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it