SENIGALLIA / Una performance “performante” di Giorgio Mercuri e Walter Bastari

SENIGALLIA / Una performance “performante” di Giorgio Mercuri e Walter Bastari

SENIGALLIA / Una performance “performante” di Giorgio Mercuri e Walter Bastari SENIGALLIA / Una performance “performante” di Giorgio Mercuri e Walter Bastari SENIGALLIA / Una performance “performante” di Giorgio Mercuri e Walter Bastari

SENIGALLIA / Una performance “performante” di Giorgio Mercuri e Walter Bastari SENIGALLIA / Una performance “performante” di Giorgio Mercuri e Walter Bastari

di ENZO CARLI

SENIGALLIA – Tempo fa a Londra nei pressi di Piccadilly Circus ammirai un gruppo di giovani ingegnosi italiani che con maestria e inventiva dipingevano  scarpe da tennis; per averle così personalizzate bisognava prenotarle almeno 15 giorni prima. Naturalmente contenni la mia compulsione e appena rientrato in Italia me le feci dipingere dall’amico Giorgio Mercuri. Ieri sera Giorgio Mercuri al quale probabilmente la voglia di dipingere su scarpe, tele, legno, cartone, celluloide e quant’altro non è di certo passata, con un‘ardita messa in scena, al vernissage della sua ultima performance con la collaborazione di Walter Bastari, e animata da un Principe sebbene decaduto molto articolato e di spirito sabaudo, ha dipinto la sua macchina davanti alla strada della Via Granda Art Caffè  – sponsor della manifestazione – trasformata per mezz’ora in una carrozzeria artistica a cielo aperto, sotto gli occhi vigili di Susi e Attilio, cordiali anfitrioni. Gli atteggiamenti artistici provocatori di Giorgio Mercuri sono ben noti; sempre quest’anno con il pittore Gino Sampaolesi, Mercuri aveva provocato i presenti con Stupefacente una mostra prodromo di  un picaresco duello all’ultimo colore.

Il titolo di questa kermesse espositiva individuava  una molteplicità di significati, simboli e allegorie, che trasponevano la visione in una varietà di universi traslati dove la consistenza culturale e strutturale delle immagini determinava  una complessa integrazione tra modelli stilistici e lessicali. Un’azione performativa che ha coinvolto nel tempo e nello spazio della rappresentazione,  i performers nella loro gestualità e ritmicità, il pubblico come critica e   come operatori della visione. E anche in questo caso l’ironia della rappresentazione  media tra la dimensione del viaggio e la provocazione del consumo, fornendo alla pittura spazi esclusivi, nuovi lineamenti che  riscattano l’esclusiva  dell’oggetto.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it