Due proposte di modifica dello statuto comunale di Mondolfo

Due proposte di modifica dello statuto comunale di Mondolfo

Sono state presentate dal Comitato per la salute pubblica: riguardano la Consulta cittadina per i servizi socio-sanitari e la Consulta dei cittadini diversamente abili

Due proposte di modifica dello statuto comunale di Mondolfo

di DANIELE CECCARELLI*

MONDOLFO – In occasione della discussione prossima, da parte del Consiglio Comunale, delle modifiche allo Statuto adottate dalla Giunta, abbiamo colto l’occasione per presentare due proposte di modifica dello Statuto Comunale.

Crediamo che oltre alle generiche promesse di “partecipazione popolare” presenti nello Statuto sia necessario individuare degli organismi specifici e particolari.

La prima riguarda la Consulta cittadina per i servizi socio-sanitari la quale dovrà avere il compito di promuove e contribuire al miglioramento della qualità dei servizi sanitari e sociosanitari erogati sul territorio del Comune di Mondolfo.

La Consulta, organo consultivo e di supporto all’Amministrazione Comunale opererà al fine di: promuovere il valore della salute come bene comune; essere luogo di incontro, confronto e di collaborazione tra associazioni, enti, esperti del settore per garantire ai cittadini la tutela del diritto alla salute e ai servizi socio-sanitari.

La seconda proposta di modifica riguarda la Consulta dei/delle cittadini/e diversamente abili che dovrà essere un organo consultivo del Consiglio Comunale, della Giunta Comunale e delle Commissioni Comunali con il compito di promuovere la qualità di vita dei/delle cittadini/e con disabilità.

La Consulta si impegnerà a promuovere la tutela dei diritti delle persone con disabilità ispirandosi ai principi della Convenzione sui diritti delle persone con disabilità, approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 13 dicembre 2006, e ratificata con la legge 3 marzo 2009, n. 18.

*Segretario del Comitato per la Salute Pubblica

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it