SENIGALLIA / “I soldi raccolti per i terremotati e la scarsa trasparenza”

SENIGALLIA / “I soldi raccolti per i terremotati e la scarsa trasparenza”

Contestato da Marcello Liverani (Fratelli d’Italia) il silenzio dell’Amministrazione comunale

SENIGALLIA / “I soldi raccolti per i terremotati e la scarsa trasparenza”di MARCELLO LIVERANI*

“Ci avranno pagato il conto dei fuochi! Ho fatto bene a non dare un soldo, l’aiuto concreto si fa in altri modi!”

  • “Tutto il cartaceo relativo alla raccolta è talmente TRASPARENTE che non si riesce a prenderne visione.”
  • Quando la trasparenza non esiste, allora significa che c’è un qualche cosa di scomodo da non poter mostrare…”
  • “A mio parere non sono mai arrivati quei soldi, hanno voluto solo farsi pubblicità sulle disgrazie altrui come fanno sempre.!
  • “I soldi li hanno finiti. Adesso spediranno la solidarietà…”
  • “I soldi in certe mani non vanno fatti passare…vanno dati direttamente ai comuni terremotati…se no vale la solita: una a me, una a te e una al Vajont…”
  • “Se non dicono nulla su quanto raccolto avranno le loro motivazione che forse non sono proprio lineari…”
  • “Gli stessi commercianti che nella serata dei fuochi hanno raccolto le offerte per poi portarle in busta bianca in comune nutrono grosse perplessità su dove siano finiti quei soldi vista la modalità di raccolta e la totale mancanza di informazione da parte dell’amministrazione…”
  • “Per fortuna che io i soldi non li do, non ci credo a queste cose”

Cari Amministratori, quelli che leggete sono solamente alcuni dei commenti che girano sui social sull’inesistente vostra trasparenza in merito ai soldi raccolti per i terremotati con vari eventi.  Sono commenti che nascono spontanei vista la vostra riluttanza ad essere trasparenti con la cittadinanza. Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale già due volte vi aveva scritto, e questa è la terza. La prima volta avevamo contestato un vostro comunicato stampa dove annunciavate l’apertura di un “nuovo” conto corrente per raccogliere le offerte, ma non era affatto un “nuovo” c/c, bensì era il conto dove i genitori dei bambini pagano i pasti della mensa scolastica e altri i diritti di segreteria, quindi avevamo sollevato perplessità chiedendovi, onde evitare “confusione”, di aprirne veramente uno nuovo dove far confluire tutte le offerte per i terremotati. Ovviamente non avete risposto e non avete aperto nessun conto apposito.

La seconda volta, constatato il vostro silenzio, vi abbiamo scritto chiedendovi di rendere trasparente e pubblica tutta l’operazione della raccolta delle offerte, e l’avevamo fatto ponendovi sette semplici domande:

  • E’ possibile conoscere l’ammontare dell’importo totale ad oggi delle offerte pervenute in quel c/c?
  • E’ possibile conoscere il totale delle offerte manifestazione per manifestazione?
  • E’ possibile conoscere l’esatto importo di quanto si è raccolto la sera dei fuochi di settembre?
  • E’ possibile avere una rendicontazione con documenti visibili di tutte le entrate (ovviamente solo degli importi e non dei nominativi) sul c/c che avevate messo a disposizione?
  • E’ possibile sapere se quanto è stato raccolto è già stato inviato o staziona ancora nel c/c?
  • E’ possibile avere una copia dell’eventuale vostro bonifico, se effettuato, dell’importo inviato ai terremotati?
  • E’ possibile, nel caso che ancora non siano stati inviati, avere una data certa dell’invio?

Ovviamente non avete risposto a nessuna domanda.

Di tempo ne è passato tanto, i Cittadini le domande se le fanno, e non ricevendo nessuna risposta ufficiale è normale che si pongano grossi dubbi e pensino male. Purtroppo non è la prima volta che le offerte fatte per aiutare chi è stato colpito da qualche calamità naturale siano “magicamente sparite” grazie a qualche furbetto, perché quindi continuare ad alimentare voci poco carine? Non è nel vostro interesse rendere tutto pubblico e trasparente (come voi stessi dite sempre) in modo da tacitare le voci “maligne” che girano? Non è nel vostro interesse dimostrare quanto Senigallia sia stata attiva e pronta nell’aiutare, con le offerte, le zone terremotate?

Il silenzio non aiuta nessuno, fa pensare male e genera grossi dubbi, in più scoraggia le persone dal fare beneficenza se non gli si da contezza esatta e trasparenza delle donazioni. Per noi la trasparenza è sempre di primaria importanza, lo è ancor di più su queste vicende che coinvolgono tutti i Cittadini e riguardano i soldi donati con le offerte. I Cittadini continuano a rimanere in attesa di avere qualche informazione ufficiale dall’Amministrazione in merito a questa raccolta fondi che al momento appare molto fumosa, genera dubbi e da adito a chiacchiere poco simpatiche.

Immaginando che la questione sia delicata e di interesse generale, ci chiediamo anche come mai nessun Consigliere dell’Opposizione, ad oggi, abbia presentato una interrogazione o una istanza per far si che la trasparenza sia veramente ufficializzata su carta, e non soltanto a parole su questa vicenda.

Sarà l’ultima volta che scriviamo o dovremo continuare? Ai posteri l’ardua sentenza.

 

*Coordinatore Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale di Senigallia

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it