Con Marco Stabile una immersione nel mondo della cucina al profumo di tartufo

Con Marco Stabile una immersione nel mondo della cucina al profumo di tartufo

A Sant’Angelo in Vado un pomeriggio straordinario con lo chef stellato. Assegnato dall’Accademia Italiana del Tartufo, presieduta da Giuseppe Cristini, un riconoscimento al gastronomo marchigiano Rolando Ramoscelli

Con Marco Stabile una immersione nel mondo della cucina al profumo di tartufo Con Marco Stabile una immersione nel mondo della cucina al profumo di tartufo Con Marco Stabile una immersione nel mondo della cucina al profumo di tartufo Con Marco Stabile una immersione nel mondo della cucina al profumo di tartufo Con Marco Stabile una immersione nel mondo della cucina al profumo di tartufo Con Marco Stabile una immersione nel mondo della cucina al profumo di tartufo Con Marco Stabile una immersione nel mondo della cucina al profumo di tartufo Con Marco Stabile una immersione nel mondo della cucina al profumo di tartufo Con Marco Stabile una immersione nel mondo della cucina al profumo di tartufo Con Marco Stabile una immersione nel mondo della cucina al profumo di tartufo Con Marco Stabile una immersione nel mondo della cucina al profumo di tartufo Con Marco Stabile una immersione nel mondo della cucina al profumo di tartufo Con Marco Stabile una immersione nel mondo della cucina al profumo di tartufo Con Marco Stabile una immersione nel mondo della cucina al profumo di tartufo Con Marco Stabile una immersione nel mondo della cucina al profumo di tartufo Con Marco Stabile una immersione nel mondo della cucina al profumo di tartufo Con Marco Stabile una immersione nel mondo della cucina al profumo di tartufo Con Marco Stabile una immersione nel mondo della cucina al profumo di tartufo Con Marco Stabile una immersione nel mondo della cucina al profumo di tartufo santangeloinvadostabilecristini2016-11-28-x0-116 santangeloinvadostabilecristini2016-11-28-x0-120

SANT’ANGELO IN VADO – “Tutti per il tartufo, il tartufo per tutti”. Con questo personalissimo slogan, un vero e proprio motto, Marco Stabile, tra gli chef italiani più apprezzati nel mondo, ha concluso, in qualità di ambasciatore dell’Accademia Italiana del Tartufo, l’apprezzatissima lection magistralis, tenuta nello storico Palazzo Mercuri di Sant’Angelo in Vado.
Una giornata speciale, dedicata al tartufo, questa profumata eccellenza del nostro territorio, organizzata dall’Accademia Italiana del Tartufo, una realtà che guarda con fiducia ed ottimismo alla ristorazione del Montefeltro e delle Marche. Dopo l’introduzione del Cavaliere del gusto e della bellezza Giuseppe Cristini, è stato il vice sindaco Romina Rossi a portare i saluti dell’Amministrazione comunale, sempre impegnata in prima linea nella valorizzazione del territorio e delle sue eccellenze.
In sintesi è stata, per tutti i partecipanti, una straordinaria full immersion, rivolta soprattutto agli addetti della ristorazione che operano nella nostra regione (presenti in sala molti giovani chef), che ci ha fatto scoprire anche le qualità umane di Marco Stabile. Lo chef toscano, originario di Pontedera, con ristorante a Firenze, ha anche proposto, preparato e narrato due innovative ricette al tartufo. Piatti dai sapori delicati, realizzati con prodotti vegetali e di stagione, con sopra una spruzzatina di tartufo a centimetri zero, una delle eccellenze di questo territorio, come ha sottolineato Giuseppe Cristini, presidente dell’Accademia Italiana del Tartufo.
“Il tartufo – ha detto con chiarezza Marco Stabile – è una firma eccezionale sul piatto. Ma va utilizzato al meglio, altrimenti è solo un costo in più”. E lo chef toscano dei tartufi che utilizza nel suo ristorante conosce minuziosamente segreti e provenienza, anche perché ama accompagnare i cercatori nelle zone impervie dei nostri territori. “I piatti – ha detto – vanno anche narrati. Al cliente va raccontata la storia dei nostri prodotti, di tutto ciò che utilizziamo in cucina”. Per la valorizzazione del tartufo occorre tener conto soprattutto della sua stagionalità, senza adulterazioni. Con un adeguato abbinamento anche con una cucina semplice, come è stato in grado di evidenziare lo stesso Marco Stabile.
Al termine di questo straordinario pomeriggio, risultato sicuramente di grande utilità ed interesse, per tutti i presenti, è stato assegnato a Rolando Ramoscelli, ristoratore, gastronomo e scrittore di San Costanzo il riconoscimento d’onore di “Accademico dell’anno”. Un riconoscimento che, ogni anno, l’Accademia Italiana del Tartufo, con sede a Sant’Angelo in Vado, assegna ad un protagonista della nostra gastronomia.
L’evento, concluso con uno spumeggiante aperitivo (prosciutto di Carpegna e vino della cantina La Montata di Sant’Angelo in Vado), è stato organizzato dall’Accademia Italiana del Tartufo in collaborazione con Ubi Banca Popolare di Ancona, presente alla manifestazione con il direttore Michelangelo Eleuteri e la responsabile dell’agenzia locale Giuliana Giommi.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it