URBINO / Due persone uccise nella notte dal monossido di carbonio

URBINO / Due persone uccise nella notte dal monossido di carbonio

Si tratta di un belga di 47 anni e di una urbinate di 50. Un’anziana donna salvata dai vigili del fuoco

URBINO / Due persone uccise nella notte dal monossido di carbonioURBINO – Due persone, un uomo ed una donna, sono state trovate senza vita questa mattina, intorno alle 11, in un appartamento di via delle Stallacce, in pieno centro storico. Il decesso è dovuto quasi sicuramente ad intossicazione da monossido di carbonio.

Le vittime sono un belga di 47 anni e una donna di Urbino, di 50, le due persone morte in un appartamento in via delle Stallacce a Urbino.

In un primo momento si pensava si trattasse di due studenti, in quanto gli appartamenti, nella zona, sono quasi tutti affittati ai ragazzi che frequentano l’Università.

La morte della coppia risalirebbe alla mezzanotte, secondo una prima valutazione del medico legale. Le due vittime sono state trovate in camera da letto. Le esalazioni di monossido di carbonio si sarebbero sprigionate da una caldaia. Sul posto è intervenuto anche il pubblico ministero Simonetta Cattani che coordina le indagini.

Una pensionata di 76 anni, è stata invece condotta in ospedale perché trovata svenuta all’internod ella sua abitazione. La donna abita nel piano superiore a quello della coppia trovata senza vita.

Secondo una prima ricostruzione i vigili del fuoco erano stati chiamati proprio perché l’anziana non rispondeva al citofono. Una volta entrati l’hanno soccorsa. Quindi hanno cercato di comprendere da dove provenisse la perdita di gas e constatato che arrivava dal piano sottostante hanno abbattuto la porta ed hanno così rinvenuto le due vittime di questa nuova tragedia – l’ennesima – dovuta alle esalazioni del monossido di carbonio.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it