MONDOLFO / La memoria della fisarmonica al museo civico

MONDOLFO / La memoria della fisarmonica al museo civico

MONDOLFO / La memoria della fisarmonica al museo civico

MONDOLFO – Come è nata la fisarmonica in Italia? Quando? Alcune curiosità che si possono conoscere visitando il Museo Civico di Mondolfo dove una specifica sezione è dedicata alla Memoria della Fisarmonica. La città a balcone sul mare è stata fra le prime in Italia a realizzare questo strumento, attivando una produzione artigianale grazie alla famiglia di Giovanni Sora e che si è poi consolidata con la ditta Silvestrini. Opifici che hanno caratterizzato un’epoca, poi cancellata dall’avvento dell’elettronica, e che tuttavia hanno fatto suonare, ballare e divertire generazioni di italiani e non solo, tanto che le fisarmoniche di Mondolfo erano specialmente indicate per il clima australiano. Anche domenica – per l’iniziativa Autunno al Museo – sarà possibile entrare gratuitamente al Museo civico al Complesso Monumentale di S.Agostino a Mondolfo dalle ore 16 alle ore 18, e avvicinarsi così ad una pagina della storia, magari spaziando poi con una passeggiata per le vie di uno dei Borghi più Belli d’Italia nel castello, l’abitato antico racchiuso dalla duplice cortina muraria quattrocentesca frutto del genio militare dell’architetto senese Francesco di Giorgio Martini. L’iniziativa vede la collaborazione delle Miniguide dell’ICS “E.Fermi” di Mondolfo e dei volontari della locale sede dell’Archeoclub d’Italia. Il Museo Civico di Mondolfo aderisce all’iniziativa della Regione Marche “Happy Museum”. L’ingresso al Museo è gratuito. Per informazioni: www.comune.mondolfo.pu.it .

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it