Tutto esaurito al Teatro Raffaello Sanzio di Urbino per Cenerentola di Rossini

Tutto esaurito al Teatro Raffaello Sanzio di Urbino per Cenerentola di Rossini

Lo spettacolo proposto nell’ambito delle celebrazioni dell’Università Carlo Bo

Tutto esaurito al Teatro Raffaello Sanzio di Urbino per Cenerentola di Rossini

di PAOLO MONTANARI

URBINO – Tutto esaurito il teatro Raffaello Sanzio di Urbino, per l’attesa CENERENTOLA  di Rossini, per la regia del basso-baritono Roberto Ripesi, che interpreta il ruolo di Don Magnifico e con un cast internazionale di cantanti diretti dal maestro Stefano Bartolucci che dirige anche l’orchestra del teatro urbinate e il coro di Citta futura. Il grande appuntamento musicale è stato voluto ed organizzato dall’Università agli studi Carlo Bo di Urbino ed in particolare dal rettore professor Stocchi, che nell’ambito delle celebrazioni dell’Università, ha voluto dare appuntamento agli studenti e insegnanti a teatro per poter vedere uno dei capolavori dell’opera buffa di Rossini.

Lo spettacolo si terrà questa sera alle 20,30 al teatro Sanzio.CENERENTOLA venne scritta su libretto di Jacopo Ferretti, pochi giorni dopo la messinscena del BARBIERE DI SIVIGLIA. Quando Rossini che si trovava a Roma, dopo il fiasco iniziale all’Argentina del Barbiere, si rinchiuse in una forma di letargo anche per evitare le reazioni dei sostenitori di Paisiello che aveva già composto prima del cigno di Pesaro un suo barbiere. Si presentò a lui un pò timoroso Jacopo Ferretti con il libretto in mano di Cenerentola, che già aveva avuto in Francia un grande successo da un punto di visto narrativo-fiabesco. Rossini dapprima voltò le spalle sornione a Ferretti. Ma quando il librettista lesse la commedia che è in due atti, Rossini si trasformò e in dodici giorni compose l’opera che è tra le più eseguite al mondo. La scenografia scelta da Ripesi è tradizionale, ma si coniuga bene con le letture orchestrale e vocale, dell’opera, con i suoi indimenticabili personaggi: il principe, Cenerentola, le sorellastre, don Magnifico tutore e padre delle perfide sorelle e Dandini interpretato mirabilmente dal basso romagnolo Girometti. Uno spettacolo molto atteso da tutte le Marche.

Nelle foto due momenti della prova generale

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it