Domenica la Giornata delle Bandiere arancioni: anche Corinaldo fra i protagonisti

Domenica la Giornata delle Bandiere arancioni: anche Corinaldo fra i protagonisti

Domenica la Giornata delle Bandiere arancioni: anche Corinaldo fra i protagonisti Domenica la Giornata delle Bandiere arancioni: anche Corinaldo fra i protagonisti

CORINALDO – Domenica 9 in occasione della “Giornata Nazionale delle Bandiere Arancioni” i Comuni appartenenti al Touring Club festeggeranno il turismo di qualità dei piccoli borghi con una giornata dedicata all’accoglienza e alla bellezza dei propri luoghi. Anche Corinaldo sarà fra i protagonisti di questo appuntamento con un programma dedicato.

Si comincia alle ore 16.30, con una visita guidata che prevede la scoperta del centro storico di Corinaldo e della sua intatta cerchia di mura, fiore all’occhiello del “paese più bello del mondo”. Un’occasione per scoprire e riscoprire i vari torrioni e le porte d’accesso fortificate, la famosa Scalinata con il Pozzo della Polenta e la casa di Scuretto e molto altro ancora. L’obiettivo è far scoprire a quanti prenderanno parte alla iniziativa il patrimonio artistico e folcloristico del borgo.

“La “Giornata Nazionale delle Bandiere Arancioni” – è il commento del Sindaco di Corinaldo Matteo Principi, che ricopre anche la delega di assessore al Turismo – non fa altro che incentivare l’attività turistica in favore di Corinaldo, al pari di altre, simili iniziative. Per il prossimo futuro, ed è questo un concetto ormai noto, puntiamo forte sulla collaborazione con tutto il territorio, per migliorare alcuni obiettivi fondamentali per la crescita di un Comune”.

Per partecipare alla visita è necessario prenotarsi, contattando l’ufficio IAT (tel: 071 67782, int.236, e-mail: iat1@corinaldo.it) entro le ore 18 di venerdì 7 ottobre. In aggiunta alle visite guidate, durante la giornata saranno aperti alla visita (libera e gratuita) numerosi altri luoghi di interesse culturale all’interno del borgo. I siti presi in considerazione sono i seguenti: la chiesa di San Francesco con in quadri di Claudio Ridolfi, il Santuario di Maria Goretti (Porta Santa del Giubileo del perdono), la chiesa dell’Addolorata, la Civica Raccolta d’Arte “Claudio Ridolfi”, la Sala del Costume e delle tradizioni popolari e la raccolta di ceramiche “G.C. Bojani”.

L’Amministrazione Comunale sarà quindi lieta di offrire ai partecipanti, fino ad esaurimento scorte, un “sacchetto di qualità”, con all’interno materiale informativo del territorio.

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it