SENIGALLIA / Giovane rumeno arrestato per furto di capi di abbigliamento

SENIGALLIA / Giovane rumeno arrestato per furto di capi di abbigliamento

I carabinieri hanno anche denunciato una ragazza per guida in stato di ebbrezza

SENIGALLIA / Giovane rumeno arrestato per furto di capi di abbigliamento

SENIGALLIA – Sabato sera i Carabinieri della Compagnia di Senigallia hanno arrestato un ventiseienne rumeno per furto aggravato.

Il giovane è stato fermato dai commessi del negozio “Officina 36” in Via Nicola Abbagnano a Senigallia dopo che si era allontanato dalla boutique. I commessi hanno chiamato subito i carabinieri che sono arrivati sul posto in pochi minuti prendendo in consegna il romeno.

Dalla ricostruzione dei fatti è emerso che un commesso aveva visto il giovane entrare poco prima nel negozio con una busta di carta (uno “shopper bag”) intestata ad un altro negozio con all’interno un capo di abbigliamento. Lo stesso aveva prelevato alcuni pantaloni dagli espositori che poi si era andato a provare nel camerino. Dopo qualche minuto era uscito dal camerino con un giacchetto al braccio che prima non aveva e la borsa comunque piena. Aveva fatto un altro giro nel negozio e poi se n’era andato via. Il commesso era entrato nel camerino credendo di trovare i pantaloni prelevati poco prima dal giovane ma non aveva trovato nulla, per cui, insospettito, era corso al suo inseguimento bloccandolo.

I carabinieri hanno intimato al giovane di aprire la borsa di cartone rinvenendo all’interno tre pantaloni jeans marca “Berna”, del prezzo di 145 euro cadauno, sottratti nel negozio Offina36 con ancora i dispositivi antitaccheggio che però non avevano funzionato. L’ispezione della borsa di carta ha infatti evidenziato che la parte interna era stata completamente schermata con fogli di plastica e alluminio in modo che i dispositivi non venissero rilevati dai sensori all’uscita.

La refurtiva interamente recuperata è stata restituita al negozio.

Dopo le formalità di rito, il romeno è stato dichiarato in arresto e trattenuto nelle camere di sicurezza in attesa dell’udienza di convalida dinanzi al Tribunale di Ancona.

Nella notte, sempre a Senigallia, i carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia hanno denunciato in stato libertà una 35enne del luogo per guida sotto l’influenza dell’alcool.

La donna, intorno alle 2:10, alla guida della sua Fiat Panda, mentre percorreva via Giordano Bruno ha imboccato contromano la rotonda in prossimità dell’area di servizio Eni, perdendo il controllo del veicolo ed andando a sbattere contro una Mercedes classe A regolarmente parcheggiata senza nessuno a bordo. L’automobilista, trasportata con l’ambulanza al pronto soccorso del locale ospedale, è stata sottoposta all’accertamento del tasso alcolemico che ha evidenziato un valore pari a 1,51 gr/lt.

La patente di guida è stata ritirata per i provvedimenti di competenza del Prefetto mentre la Fiat Panda è stata sottoposta a sequestro.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it