“Nessuna trivellazione a Monte Porzio e nella Valle del Cesano”

“Nessuna trivellazione a Monte Porzio e nella Valle del Cesano”

L’assessore regionale Angelo Sciapichetti fa chiarezza sulla vicenda. La soddisfazione del Gruppo Fuoritempo

"Nessuna trivellazione a Monte Porzio e nella Valle del Cesano"

MONTE PORZIO – “Nessuna trivellazione a Monte Porzio (Pu), sul sito del Ministero solo un refuso materiale”. Così l’assessore all’Energia, Angelo Sciapichetti, fa chiarezza sulla vicenda relativa al permesso di ricerca di idrocarburi su quel territorio. “La Commissione per gli idrocarburi e le risorse minerarie del Ministero dello Sviluppo economico – sottolinea Sciapichetti – aveva valutato negativamente l’istanza di permesso di ricerca nello scorso novembre. In particolare né i profili societari né quelli tecnico economici delle istanze di ricerca, erano stati ritenuti adeguati. Le decisioni della Commissione sono state poi recepite nel provvedimento ufficiale del Ministero che rigetta l’istanza.

Le notizie di segno opposto apparse sulla stampa nascono da un mero errore materiale per cui il relativo progetto, nel sito del Ministero, anziché essere inserito tra quelli in corso di rigetto, era stato incluso tra quelli oggetto di valutazione di impatto ambientale. Fatti i dovuti accertamenti con l’ufficio Rilascio e gestione titoli minerali, espropri e royalties del Ministero, abbiamo chiarito l’equivoco e acquisito il provvedimento ufficiale di rigetto della Direzione Generale del MiSE”.

L’istanza di permesso di ricerca in terraferma denominata “Monte Porzio” riguarda una superficie di 208,7 Kmq comprendenti i comuni di Barchi, Castellone di Suasa, Corinaldo, Fratte Rosa, Mondavio, Mondolfo, Monte Porzio, Montemaggiore al Metauro, Orciano di Pesaro, Ostra, Piagge, San Costanzo, San Giorgio di Pesaro, San Lorenzo in Campo, Trecastelli e Senigallia.

L’istanza di permesso di ricerca in terraferma è un titolo esclusivo che consente le attività di ricerca quali: indagini geofisiche e perforazione del pozzo esplorativo per l’individuazione di un eventuale giacimento di idrocarburi.

Soddisfazione, dopo quanto affermato dall’assessore regionale Angelo Sciapichetti, è stata subito espressa dal Gruppo Fuoritempo. “Dopo i ripetuti solleciti inoltrati perché si verificasse la conclusione dell’istanza di permesso di ticerca in terraferma “Monte Porzio” – si legge in una breve nota -, la Regione Marche ha emesso oggi un comunicato per confermare che “Nessuna trivellazione a Monte Porzio”.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it