Da mercoledì 21 settembre al via la campagna abbonamenti di FanoTeatro

Da mercoledì 21 settembre al via la campagna abbonamenti di FanoTeatro

lucia-lavia-x-romeo-e-giulietta alessandro-preziosidiamoci-del-tu  io-odio-amleto lavaro-ph-carlotta-benvenuti-200-dpi il-prezzo-foto-di-marco_caselli_nirmal

FANO – Da mercoledì 21 settembre prende il via la campagna abbonamenti di FANOTEATRO, stagione della Fondazione Teatro della Fortuna realizzata in collaborazione con AMAT e con il contributo del Comune di Fano, della Regione Marche e del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo che conferma per la stagione 2016/2017 la sua vocazione di luogo privilegiato per la proposta teatrale con un ricco cartellone che da ottobre ad aprile con sette titoli per ventuno serate di spettacolo ospita beniamini del pubblico, testi classici e contemporanei per un’esperienza teatrale a 360°.

Da mercoledì 21 a venerdì 30 settembre gli abbonati alla passata stagione possono esercitare il diritto di prelazione con conferma di turno e posto. Da sabato primo ottobre a mercoledì 5 invece gli stessi possono esercitare il medesimo diritto con possibilità di cambi turno e/o posto. I nuovi abbonamenti sono in vendita da sabato 8 a sabato 15 ottobre. Ogni persona può acquistare e rinnovare, in una sola volta, non più di quattro abbonamenti. La vendita si svolge al botteghino del Teatro della Fortuna (Piazza XX Settembre n. 1 tel. 0721 800750), tutti i giorni con orario 17.30 – 19.30; mercoledì, sabato e domenica anche 10.30 – 12.30. Diverse sono le tipologie di abbonamento: settore A € 165, settore B € 130, settore C € 100. Sono previsti anche abbonamenti al costo ridotto: Speciale Giovani (riservato a giovani fino a 26 anni) settore B € 100, settore C € 70, Speciale Scuola settore B € 75 settore C € 65, Speciale BCC/Banca di Credito Cooperativo di Fano settore A € 148 settore B € 117 settore C € 90.

L’inaugurazione della stagione dal 28 al 30 ottobre è affidata a Diamoci del tu, una commedia del 2012 divertente e profonda del pluripremiato drammaturgo canadese Norm Foster portata in scena da Anna Galiena ed Enzo Decaro, inedita coppia del teatro italiano diretta dalla sensibile regia di Emanuela Giordano. Capolavoro di Agatha Christie, Dieci piccoli indiani… e non rimase nessuno! trova la via della scena al Teatro della Fortuna dal 18 al 20 novembre nell’allestimento diretto dal regista spagnolo Ricard Reguant con l’interpretazione della grande Ivana Monti con un numeroso cast di eccellenti interpreti. Beniamino di tanto pubblico femminile, uomo di spettacolo e di cinema Gabriel Garko incontra il teatro in Odio Amleto, divertente commedia di Paul Rudnick in programma a FANOTEATRO dal 13 al 15 dicembre che lo vede insieme ad attori di grande maestria come Ugo Pagliai e Paola Gassman diretti dalla regia di Alessandro Benvenuti. Dal 13 al 15 gennaio Alessandro Benvenuti, diretto dalla sapiente regia di Ugo Chiti, torna a Fano in veste questa volta di protagonista de L’Avaro di Molière, un testo amaro e irresistibilmente comico, un’opera di bruciante modernità. Una delle tragedie d’amore più note a livello universale, Romeo e Giulietta di William Shakespeare giunge sul palcoscenico del Teatro della Fortuna dal 3 al 5 febbraio al termine di una residenza di riallestimento. Proposto con la regia di Andrea Baracco, esponente di una generazione di registi che si sta imponendo con particolare interesse all’attenzione della critica e del pubblico, lo spettacolo vede tra i protagonisti Lucia Lavia (Giulietta), Antonio Folletto (Romeo) e Alessandro Preziosi nella parte di Mercuzio. Uno dei più prestigiosi e popolari uomini di cultura e artisti della scena italiana, Moni Ovadia dal 31 marzo al 2 aprile è in scena con Il Casellante, spettacolo diretto da Giuseppe Dipasquale e tratto da un racconto di Camilleri ambientato in Sicilia.  Un cast d’eccezione composto da Umberto Orsini, Massimo Popolizio, che firma anche la regia, Alvia Reale e Elia Schilton sono in scena per la conclusione della stagione dall’11 al 13 apile con Il prezzo, testo di Arthur Miller che fotografa con spietata lucidità e amara compassione le conseguenze della devastante crisi economica avvenuta negli Stati Uniti nel ‘29.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it