La Terra e il Cielo al Sana di Bologna con la pasta alla spirulina

La Terra e il Cielo al Sana di Bologna con la pasta alla spirulina

La Terra e il Cielo al Sana di Bologna con la pasta alla spirulina

Al Salone internazionale del Biologico e del Naturale, la cooperativa di agricoltura biologica presenta anche la pasta con il grano antico Taganrò, coltivato già nell’Impero romano

La Terra e il Cielo al Sana di Bologna con la pasta alla spirulina La Terra e il Cielo al Sana di Bologna con la pasta alla spirulina

BOLOGNA – La Terra e il Cielo lancia la pasta con la spirulina al Sana, il Salone internazionale del Biologico e del Naturale che si svolge in questi giorni alla Fiera di Bologna. Questa pasta biologica viene prodotta con grano duro e spirulina, un’alga ad alto contenuto proteico, 65-70 grammi per 100 grammi di alimento, che la rende adatta al consumo da parte di coloro che non mangiano proteine animali, come vegetariani e vegani. All’appuntamento con il Sana, La Terra e il Cielo presenta anche la pasta integrale con il grano antico Taganrò, macinato a pietra. E’ un frumento antico coltivato nelle zone cerealicole del Mar Nero, molto apprezzato in Italia già dal tempo degli imperatori romani. Venne ritrovato dalla Repubblica di Venezia nel 1600 nel territorio dell’attuale Ucraina ma poi disperso fino ai giorni nostri. Riprodotto dalla cooperativa a partire da pochi chicchi, ha un alto valore proteico e non dà intolleranze.

La riscoperta e il rilancio di antiche varietà di cereali e legumi, selezionate per la qualità e non esclusivamente per la quantità, rappresenta, infatti, uno dei punti cardine dell’attività della cooperativa di agricoltura biologica. Al Sana, La Terra e il Cielo, che nel 2015 ha registrato un fatturato di 3 milioni, con una crescita dell’8% sull’anno precedente dovuto soprattutto all’export (+6%) specie verso Paesi extraeuropei, Arabia Saudita, Giappone, partecipa con un proprio stand ma è presente anche in quello della Ecor, principale distributore de’ La Terra e il Cielo nei negozi NaturaSì e CuoreBio, con le degustazioni dei suoi prodotti.

“Per noi venire al Sana è un po’ come ritornare in famiglia visto che vi partecipiamo fin dalla prima edizione del 1987 – dice Bruno Sebastianelli, presidente della cooperativa -, è una manifestazione che ci consente di presentare l’intera gamma dei nostri prodotti ad un pubblico sensibile e preparato, orientato alla qualità e alla salute, principi che ci ispirano nel nostro impegno quotidiano, di incontrare persone con cui lavoriamo e ci confrontiamo fin dal nostro avvio di attività, nel 1980, ma anche di conoscere nuovi consumatori che si avvicinano al biologico per la prima volta e a cui possiamo spiegare il valore del nostro modo di fare agricoltura, sostenibile e solidale, con cui cerchiamo di far sì che ogni passaggio, dal produttore al consumatore, avvenga nel rispetto dell’opera di ognuno e nella realizzazione di un prezzo giusto”.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it