Positivo incontro tra il Comitato per la Salute di Mondolfo ed i vertici regionali della sanità

Positivo incontro tra il Comitato per la Salute di Mondolfo ed i vertici regionali della sanità

Affrontato il problema delle rette nelle residenze protette convenzionate per anziani. Respinte all’unanimità dal Consiglio direttivo le dimissiomni del segretario Daniele Ceccarelli

Positivo incontro tra il Comitato per la Salute di Mondolfo ed i vertici regionali della sanità

MONDOLFO – Il presidente del Comitato per la Salute pubblica di Mondolfo, San Costanzo e Monte Porzio, Mirella Caronti, comunica che una delegazione composta dai sigg.ri Anna Bacchiocchi, Giuseppe Bernacchia e Daniele Ceccarelli  si è incontrata martedì 2 agosto con la consigliera regionale Jessica Marcozzi (la stessa che presentò una interrogazione consiliare per favorire il ripristino della Strada Provinciale 414 località Marotta), Fabrizio Volpini, presidente della IV Commissione consiliare permanente e Luca Ceriscioli, presidente della Giunta regionale.

La consigliera Marcozzi è stata l’autrice di una importante interrogazione consiliare riguardante le rette nei centri residenziali per anziani, disabili gravi e disabili psichici, la quale è stata oggetto di una celere e chiarificatrice risposta da parte del Presidente della Regione. Contattata ci ha prontamente concesso udienza nella sede del Consiglio regionale. L’argomento del confronto è stata la retta applicata nei Centri Residenziali per anziani non autosufficienti e convenzionati come Residenze Protette col Servizio Sanitario Regionale. Il presidente, Luca Ceriscioli, ci ha subito informati che la Regione Marche metterà a disposizione per il settore sociale, finanziamenti destinati agli Ambiti territoriali sociali e, tramite essi, ai Comuni marchigiani per circa 70 milioni d’euro più 16 milioni di finanziamenti statali. Inoltre con la delibera di giunta regionale del primo agosto verranno aumentati di ulteriori 400 posti letto le Residenze Protette esistenti, i cui Centri Residenziali ospitanti potranno così aumentare i posti letto convenzionati fino al 60% dei posti letto complessivi. Per le rette vere e proprie ha ribadito il potere ordinatorio della Regione che fissa in € 66 giornaliere la retta per gli anziani non autosufficienti non gravi e per 100 minuti di assistenza complessiva, di cui la metà rimane a carico del Servizio Sanitario Regionale e l’altra metà a carico dei Comuni o degli ospiti. Così per gli anziani non autosufficienti gravi la cui retta giornaliera è di € 80 per 120 minuti di assistenza complessiva giornaliera, metà e metà.

“Nel ringraziare calorosamente i Sigg.ri consiglieri regionali e Presidenti che ci hanno dimostrato la validità delle nostre pubbliche tesi, per finire – afferma la presidente del Comitato, Mirella Caronti – comunico che nella riunione del direttivo del Comitato dell’8 agosto sono state respinte all’unanimità le dimissioni presentate dal segretario Daniele Ceccarelli e tutti i tentativi di ingerenze estranee che in questi giorni ci hanno bersagliato e che sono stati giudicati inammissibili e rispediti al mittente, riconfermando pienamente e solidalmente la linea fin qui seguita nell’interesse principale degli ospiti ed utenti dei servizi socio-sanitari presenti nel nostro territorio”.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it