Alla Rocca di Sassocorvaro un affascinante viaggio sensoriale

Alla Rocca di Sassocorvaro un affascinante viaggio sensoriale

“Una serata – come ha affermato il Cavaliere e narratore del gusto Giuseppe Cristini – dedicata alla bellezza pura dell’arte e della storicità”

Alla Rocca di Sassocorvaro un affascinante viaggio sensorialeAlla Rocca di Sassocorvaro un affascinante viaggio sensoriale Alla Rocca di Sassocorvaro un affascinante viaggio sensorialeAlla Rocca di Sassocorvaro un affascinante viaggio sensoriale Alla Rocca di Sassocorvaro un affascinante viaggio sensorialeAlla Rocca di Sassocorvaro un affascinante viaggio sensoriale Alla Rocca di Sassocorvaro un affascinante viaggio sensorialeAlla Rocca di Sassocorvaro un affascinante viaggio sensorialeAlla Rocca di Sassocorvaro un affascinante viaggio sensorialeAlla Rocca di Sassocorvaro un affascinante viaggio sensoriale

SASSOCORVARO – Serata evento dell’estate Montefeltrana alla Rocca Ubaldinesca di Sassocorvaro, con tutta la maestosità che le ha saputo trasmettere Francesco di Giorgio Martini. Un vero e proprio scrigno con i tesori recuperati e, ovviamente, l’alone di Pasquale Rotondi, grandissimo   custode della bellezza artistica italica.

In una cornice di cotanto fascino,  si sono manifestate, tutte le migliori componenti,  per una speciale serata d’estate tutta da scolpire nella memoria. “Un viaggio sensoriale e affascinante che parte dal cuore – come afferma il Cavaliere e narratore della bellezza Giuseppe Cristini, enogastronomo, comunicatore della marchigianità, giornalista brillante e cerimonialista affermato -,  e coinvolge la mente, per poi sfiorare deliziosamente  il palato. Bellezza pura dell’arte e della storicità,  la ricercata tradizione e spaziosa contemporaneità della cucina di Riccardo Agostini,  fiero paladino ai fornelli, che ha imperversato con la sua poliedricità di preparazioni gastronomiche sofisticate, presentate senza segreti davanti agli ospiti, con una semplicità che solo quelli bravi sa trasmettere”.

Ad emozionare la serata, con il grande talento e la spiccata classe musicale di livello mondiale è stato il vocalist Lele Il Saraceno. La sua voce cristallina e di profilo immenso, ha infiammato la notte alla Rocca. Su un grande pezzo di Ennio Morricone, è scattata la standing ovation. I vini di Tommaso di Sante, versatili e spumeggianti, così come la selezione di formaggi di Emilio Spada, tra il cremoso e l’aromatico,  hanno fatto da eccellente cornice ai piatti sopraffini di Riccardo Agostini, che ha mostrato cromaticità,
croccantezza e complessità,  ma alla portata di tutti.

Da ringraziare, per questa straordinaria ed indimenticabile serata, il sindaco della città e il presidente della Pro loco,  entrambi presenti, Raffaele Papi e i sommelier dell’Ais, l’associazione “quelli del mercoledì” con Maurizio Cirilli,  splendido anfitrione,  che salutando tutti i presenti, ha esclamato: “Condividere una semplice emozione  con le persone che ti sono vicine rende una serata unica ed indimenticabile, specialmente se fatta con il cuore”.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it