Al via a Senigallia il Festival del giallo

Al via a Senigallia il Festival del giallo

Si comincia all’angolo giallo con “Io sono Kurt” dello scrittore e regista della trasmissione il ruggito del coniglio Paolo Restuccia ed alle 21,30 alla Rotonda con lo spettacolo teatrale Per non morire di mafia con Sebastiano lo Monaco ispirato all’autobiografia di Pietro Grasso

Al via a Senigallia il Festival del giallo

SENIGALLIA – Inizia giovedì 18 agosto la quinta edizione di ventimilarighesottoimari, il festival del giallo di Senigallia organizzato dal Comune in collaborazione con la Fondazione Rosellini per la letteratura popolare e la libreria Iobook. Otto giorni di presentazioni, incontri, spettacoli teatrali, mostre, animazioni per bambini, visite guidate, per raccontare tutte le possibili declinazioni del giallo.

Due gli appuntamenti in programma giovedì. Si comincia alle 18,45 all’angolo giallo di via Fratelli Bandiera con la presentazione del libro di Paolo Restuccia “Io sono Kurt”.

Restuccia, che ha già pubblicato “La strategia del tango” e “Il manifesto del Fantareale” scritto insieme a Enrico Valenzi, è conosciuto dal grande pubblico anche per essere il regista del programma di culto di Radio 2 Il Ruggito del Coniglio. Nel libro che verrà presentato all’Angolo Giallo, in un continuo alternarsi di presente e passato, di flashback e corti circuiti nella vita attuale di Andrea Brighi riemerge pesantemente Kurt, il dj che fu, l’eroe che vola alto e spinge gli altri a seguirlo. Il romanzo di Restuccia si muove in un’atmosfera tra realtà e sogno continuamente oscillante tra desiderio e rimpianto. Il racconto è scandito dalla musica che ritma ed accompagna la vita del protagonista costituendone la colonna sonora.

Paolo Restuccia parlerà del suo libro con giornalista di Radio Arancia Luigi Brecciaroli.

Il programma serale prevede alle 21,30 alla Rotonda a Mare un appuntamento molto atteso: “Per non morire di mafia”, spettacolo teatrale con Sebastiano Lo Monaco. Lo Monaco ha lavorato in teatro con attori come Enrico Maria Salerno, Salvo Randone, Adriana Asti, Annamaria Guarnieri, Giustino Durano. E’ stato assiduo interprete dei principali capolavori di Pirandello. In televisione è tra gli interpreti de La piovra 9, Un prete tra noi, Sarò il tuo giudice, La romana per la regia di Giuseppe Patroni Griffi, e Joe Petrosino.

Quello rappresentato alla Rotonda è il monologo intenso ed incalzante di un uomo contro Cosa Nostra, la vicenda di un magistrato che decide di spendere la propria vita per salvare la speranza di un futuro possibile. Ispirato all’autobiografia di Pietro Grasso ed affidato all’appassionata interpretazione di Sebastiano Lo Monaco, lo spettacolo racconta le tensioni e gli slanci di un’esperienza di vita trascorsa in trincea per combattere la criminalità organizzata. Il teatro civile come risposta al silenzio. Per far parlare, discutere, reagire.

L’ingresso allo spettacolo è gratuito. Per ulteriori informazioni sul festival consultare il sito www.ventimilarighesottoimari.it

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it