Senigallia studia la possibilità di allargarsi (per fusione) fino a Morro d’Alba

Senigallia studia la possibilità di allargarsi (per fusione) fino a Morro d’Alba

La Giunta comunale ha deliberato l’avvio del mandato esplorativo

Senigallia studia la possibilità di allargarsi (per fusione) fino a Morro d'Alba

SENIGALLIA – Il Comune di Senigallia avvia l’iter esplorativo per verificare se sussistano le condizioni per la fusione per incorporazione con Morro d’Alba. È quanto prevede la delibera approvata dalla giunta comunale questa mattina, sulla base dell’atto di indirizzo varato ieri dallo stesso consiglio comunale di Morro d’Alba.

Ora la palla passa agli uffici comunali competenti per l’individuazione e l’elaborazione degli atti amministrativi necessari ad attivare la procedura da sottoporre poi all’approvazione del consiglio comunale.

“Andremo in consiglio comunale – afferma il sindaco Maurizio Mangialardi – per verificare se, come auspico, ci siano le condizioni per istruire un percorso che porti alla fusione per incorporazione di Morro d’Alba con Senigallia. Con gli amministratori di Morro d’Alba c’è comunque la comune volontà di raggiungere questo obiettivo nei tempi necessari e nelle modalità più consone, garantendo anzitutto il coinvolgimento e la partecipazione attiva delle nostre comunità. Sicuramente, c’è piena condivisione sulla necessità di costruire nuovi modelli di governance, al fine di rendere sostenibile la pubblica amministrazione, razionalizzare la spesa pubblica e migliorare l’efficienza dei servizi erogati. Modelli che, anche nelle Marche, hanno dato fino a oggi risposte importanti ai cittadini, come dimostrano il caso di Trecastelli e le collaborazioni strette in questi anni da Senigallia con molte amministrazioni delle valli del Misa e del Nevola, anche in settori importanti come il turismo, e la gestione associata di funzioni fondamentali come i servizi sociali”.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it