Controlli nei cantieri edili, sei imprenditori denunciati a Senigallia

Controlli nei cantieri edili, sei imprenditori denunciati a Senigallia

I carabinieri dell’Ispettorato del lavoro hanno rilevato la violazione di norme sulla tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro

Controlli nei cantieri edili, sei imprenditori denunciati a SenigalliaSENIGALLIA – I Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Ancona, in collaborazione con la locale Compagnia, nell’ambito di una predisposta attività di vigilanza nel settore edile, hanno eseguito i controlli a due cantieri sul Lungomare Mameli e sul Lungomare da Vinci.

Nel primo cantiere, sul Lungomare Mameli, i Carabinieri del NIL hanno rilevato la suddivisione dei lavori tra quattro imprese di cui una committente, una affidataria e le altre due esecutrici, accertando tre violazioni penali in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro relative alla omessa verifica da parte dell’impresa committente dell’idoneità tecnico-professionale delle ditte esecutrici; alla omessa verifica – da parte della ditta affidataria dei lavori edili – dell’idoneità tecnico-professionale delle ditte esecutrici; all’omessa redazione – da parte delle due ditte esecutrici – del piano operativo per la sicurezza.

Nella circostanza 5 imprenditori, a vario titolo amministratori delle suddette società operanti nel settore immobiliare e delle costruzioni, sono stati denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Ancona. Inoltre sono state elevate 4 sanzioni per contravvenzioni amministrative pari a complessivi euro 10.960

Nel secondo cantiere sul Lungomare Leonardo da Vinci, i Carabinieri hanno riscontrato l’impiego di manodopera in nero, pari al 66,6% (due lavoratori in nero su 3 presenti). Anche in questo caso, nei confronti dell’imprenditore, che è stato denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Ancona, sono state riscontrate tre omissioni di carattere penale in materia di tutela della sicurezza sui luoghi di lavoro relative alla verifica della capacità e delle condizioni dei lavoratori in rapporto alla loro salute e sicurezza; alla nomina del medico competente alla sorveglianza sanitaria; alla mancata informazione e formazione dei lavoratori in materia di sicurezza del lavoro.

In questo caso è stato adottato il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale. Inoltre è stata elevata la maxi-sanzioni per lavoro in nero di euro 8.000.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: