Il Comitato Possibile Senigallia dedicato a Massimo Fanelli

Il Comitato Possibile Senigallia dedicato  a Massimo Fanelli

Il Comitato Possibile Senigallia dedicato  a Massimo Fanelli

SENIGALLIA – Quando nell’ottobre scorso abbiamo dovuto cercare un nuovo nome al Comitato Possibile di Senigallia, la scelta non poteva che cadere sul nostro iscritto numero 1, quello più esemplare, quello fermo solo nel corpo, quello che non smetteva mai di darci suggerimenti, consigli, proposte.

Quando Beatrice Brignone glielo propose, la sua risposta fu una in perfetto stile Fanelli: “Ma fammi schiattare prima! Mi sembra un po’ esagerato, ma decidete voi, io ho donato il mio copyright a Possibile!”

Tra una battuta e l’altra, allafine ci sembrava di gettare un’ombra che nessuno si sentiva davvero di affrontare, così siamo rimasti senza nome, con un generico Possibile Senigallia.

Max ci ha lasciato la sua tessera, da incorniciare. Ma c’ha lasciato soprattutto tante battaglie ancora da realizzare, un modus operandi rigoroso, tantissime tabelle e schemi di lavoro, proposte, idee, provocazioni.

Non si accontentava di combattereper la sua battaglia principale, quella del fine vita.

Partecipava ai nostri dibattiti, a distanza riusciva a coinvolgere persone per realizzare i banchetti, era un vulcano di idee. Puntualmente  chiedeva conto diquello che si  faceva e voleva essere aggiornato su tutto e su tutto aveva qualcosa da dire.

Voleva tornare in Piazza, pochissime settimane fa miscritto: “dopo tanti mesi, ho voglia di uscire”, per difendere i diritti dei morenti, ma anche la Costituzione.

In occasione del suo compleanno gli abbiamo dedicato una giornata di mobilitazione speciale sul fine vita insieme ad un video di auguri da tutta Italia: http://www.possibile.com/augurimax/

Caro Max, èdecisamente arrivato il momento di dedicarti il nostro Comitato, per continuare ad alzarci ogni mattina e lottare insieme per il nostro sogno. Insieme.

Il nostro GRAZIE per Te.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it