Presentato a Falconara il Pergoli Arte Caffè

Presentato a Falconara il Pergoli Arte Caffè

E’ il caffè letterario che sorgerà nel centro culturale di piazza Mazzini

Presentato a Falconara il Pergoli Arte Caffè E' il caffè letterario che sorgerà nel centro culturale di piazza Mazzini

FALCONARA – Si è svolta questa mattina al centro Pergoli la conferenza stampa di presentazione del progetto che si è aggiudicato il concorso di idee indetto dall’Amministrazione comunale per la progettazione di un Caffè letterario. Presenti la vicesindaco con delega alla cultura e turismo Stefania Signorini, l’architetto Annalisa Pilati che ha presentato il progetto e i componenti esterni della commissione esaminatrice l’artista Andrea Agostini e l’architetto Tania Mengacci.

Il centro culturale, gia sede del Cart, della biblioteca comunale e dell’Informagiovani, sarà dotato di un punto ristoro: un vero e proprio caffè letterario, con arredi flessibili, capace di offrire diverse occasioni di aggregazione, incontro e socializzazione, in particolare per i più giovani. Un progetto fortemente voluto da Stefania Signorini e che anche nella individuazione progettuale ha avuto come cardini la possibilità di offrire a giovani architetti e creativi un’occasione per cimentarsi con un progetto importante e di mettersi in vetrina per farsi conoscere.

“Anche in questa occasione siamo riusciti a realizzare un connubio perfetto tra cultura, opportunità per i giovani e occasioni di incontro e socializzazione – commenta la Signorini -. Credo molto nelle opportunità per i giovani e anche il caffè letterario sarà creato grazie all’utilizzo dei bandi per i giovani. Prima di analizzare il progetto che si è aggiudicato il bando voglio ringraziare i due esperti esterni Andrea Agostini e Tania Mengacci che a titolo gratuito ci hanno coadiuvato nell’esame dei  lavori presentati. E sempre in un’ottica di valorizzazione del mondo giovanile voglio far presente che il primo evento che sarà organizzato al caffè letterario sarà la presentazione di tutti gli altri progetti che ci sono pervenuti. Sono stati tanti i giovani architetti che si sono misurati con questa esperienza e credo sia in linea con la nostra mission dare visibilità a tutti i concorrenti”.

“Ringrazio il Comune per l’opportunità che ci ha dato attraverso questo concorso di idee, una occasione per cimentarsi in un progetto così importante e per farci conoscere – spiega Annalisa Pilati -. Il Pergoli è già uno spazio per eventi culturali e mostre e con questa premessa abbiamo risposto al bando: con un progetto che non si limitasse a presentare l’atrio attraverso nuova illuminazione e arredo, ma anche attraverso interventi, non invasivi, ma che permettessero di dare una nuova immagine alla struttura così da attirare maggiore interesse”.

All’ingresso, adibito al passaggio, sarà realizzata una sorta di info point con un’area wi-fi, uno spazio di sosta e attesa. Nella sala più grande invece verrà allestito il Pergoli Arte Caffè: con un punto di ristoro fisso per i servizi del caffè e un bancone scomponibile così da mantenere uno spazio fluido e unitario ma flessibile per eventuali usi differenti. Tra le particolarità del progetto un pavimento in resina che conserva alcuni tasselli della vecchia pavimentazione. E ancora mensole e scaffalature in legno, una parete di lavorazione per il bar nonchè una nuova illuminazione composta da un sistema fisso con faretti regolabili e una serie di pendenti, posizionati in punti strategici, ma fissati su sistemi a sospensione mobili sempre in un’ottica di flessibilità.

Tutti gli arredi, dai tavolini, agli sgabelli fino alle poltroncine, sono stati scelti anche in modo che siano facili da pulire e da impilare e riporre proprio per garantire un ambiente dinamico.

I giovani progettisti, 31 anni Annalisa Pilati e 32 Massimiliano Matera, come da bando, si aggiudicano anche un premio in denaro di 2500 euro.

“Oggi sono qua a presentare questo progetto che ho presentato assieme all’architetto Massimiliano Matera. Siamo due giovani architetti laureati entrambi a Roma, io sono di Bologna lui della provincia di Frosinone. Ci siamo uniti sia personalmente che come coppia lavorativa e questo per noi è stata una bellissima occasione soprattutto perché il progetto verrà realizzato, cosa che in Italia avviene poco quando si parla di concorsi di idee”.

Entusiasti anche i componenti della commissione. “Per noi è stato un orgoglio partecipare ad un progetto così importante – dichiara Tania Mengacci -. Quando le cose sono fatte bene è bello partecipare. Tutti i progetti per particolarità e originalità sono meritevoli. Ma poi siamo stati tutti d’accordo su quello che è risultato il migliore, dallo studio della luce, all’utilizzo degli spazi, ma anche per la chiarezza e completezza con cui era presentato il progetto stesso”.

“Era proprio bello il progetto – sentenzia Andrea Agostini – e ha vinto perché la bellezza per quello che concerne me era importante. Come la chiarezza della presentazione per metterci nelle condizioni di capire quello che avevano in mente. C’era una progettazione tangibile, come si percepisce anche dalle immagini di presentazione. Ma più in generale è un posto dove andrei volentieri e questa sensazione la danno le forme, i materiali, l’attenzione agli elementi tecnici.  E su questo eravamo tutti d’accordo anche se abbiamo apprezzato gli sforzi dei team creativi che con i loro lavori ci hanno messo in difficoltà”.

A fine estate, appena il Pergoli non sarà utilizzato per i vari eventi in programma, partiranno i lavori e salvo imprevisti entro la fine dell’anno Falconara avrà il suo caffè letterario.

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: