Inaugurata a Urbino la mostra dedicata all’opera di Natale Patrizi

Inaugurata a Urbino la mostra dedicata all’opera di Natale Patrizi (in arte Agrà)

L’artista – nato a Mondolfo – recupera finestre da vecchie case coloniche e le trasforma in cornici per i suoi paesaggi dipinti

Inaugurata a Urbino la mostra dedicata all’opera di Natale Patrizi Inaugurata a Urbino la mostra dedicata all’opera di Natale Patrizi Inaugurata a Urbino la mostra dedicata all’opera di Natale Patrizi

URBINO – Che cosa rappresenta la soglia nella vita e nell’arte? Un confine o un elemento il cui trapasso permette la scoperta di una nuova dimensione? Inaugurata la mostra dedicata all’opera di Natale Patrizi (in arte Agrà), artista nato a Mondolfo, che recupera finestre da vecchie case coloniche e le trasforma in cornice per i suoi paesaggi dipinti. Silvia Cuppini, docente di Storia dell’Arte all’Università di Urbino, ha introdotto la mostra e ha proposto una prima riflessione sui temi affrontati da Agrà, dal paesaggio all’arte sacra. Il professor Paolo Clini, docente dell’Università Politecnica delle Marche, ha proseguito il dialogo sul tema “La soglia in architettura, la sorpresa dello spazio del non fuori e del non dentro”. Il professor Clini scrive: “La soglia è uno spazio, un luogo affascinante dove l’antico ha sperimentato l’esperienza della sorpresa del vuoto, del passaggio, del confine e dell’orizzonte arrivando essa stessa a definire e caratterizzare gli stili e i modi antichi di fare e concepire l’architettura. E ciò nel suo sempre irrisolto e misterioso rapporto tra il non fuori e il non dentro. Cioè tra l’uomo e la natura”. L’evento, che gode del patrocinio del Comune di Urbino, dell’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo e del Consiglio regionale della Marche, è stato presentato dall’associazione di volontariato per la cultura “Fedora” di Urbino. Prossimo appuntamento, giovedì 16 giugno alle 21.00 con il professor Valerio Morpurgo, architetto e saggista sul tema “Il sipario, soglia tra realtà e racconto”. Gilberto Santini, direttore di Amat, parlerà invece di “Soglie e teatro”. Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero e si svolgono allo Studio Mjras, in via Tomassini n° 7 A (di fianco al Punto Verde), vicino al Centro Commerciale Santa Lucia. Contatti:  Lara Ottaviani 338 6697782, mail lara.ottaviani@libero.it Silvia Cuppini 335 5439462, mail s.cuppini@virgilio.it (eg)

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it