Avviata la campagna di scavi nel Parco Archeologico di Suasa

Avviata la campagna di scavi nel Parco Archeologico di Suasa

Avviata la campagna di scavi nel Parco Archeologico di Suasa Avviata la campagna di scavi nel Parco Archeologico di Suasa

CASTELLEONE DI SUASA – Il 27 giugno 2016 ha preso il via la consueta campagna di scavo nel Parco Archeologico Regionale della Città Romana di Suasa, nel Comune di Castelleone di Suasa, Località Pian Volpello. L’azione congiunta del Dipartimento di Storia Civiltà e Culture dell’Università di Bologna, della Soprintendenza Archeologia delle Marche, del Comune di Castelleone di Suasa e del Consorzio Città Romana di Suasa, consentirà di proseguire le ricerche nella cd. Necropoli Orientale dell’antica città, che già nelle trascorse campagne esplorative ha restituito interessanti sepolture  sia ad inumazione che ad incinerazione ricche di interessanti corredi.

Dal 27 Giugno al 22 Luglio saranno impegnati sul campo una trentina di studenti guidati e coordinati da giovani specializzati e ricercatori. I risultati degli scavi verranno, come di consuetudine, illustrati al termine della campagna.

Informiamo che dal 1 Luglio inizieranno gli orari estivi del Parco Archeologico Città Romana di Suasa e dei Musei collegati (Museo Civico archeologico di Castelleone di Suasa, Museo del Territorio di San Lorenzo in campo e l’area archeologica di S. Maria in Portuno), le aperture nel periodo che va dal 1 Luglio al 4 Settembre seguiranno il seguente calendario: giovedì, venerdì, sabato,  domenica e festivi dalle 16,00 alle 20,00.

Dal primo Luglio, per la prima volta, il Parco si arricchirà di una nuova area visitabile: in aggiunta all’abituale percorso, che include il foro e la splendida Domus dei Coiedii, sarà visitabile anche la Domus del I stile, un’abitazione di età repubblicana, con la possibilità di seguirne anche i lavori di manutenzione.

Proseguono inoltre le attività legate al progetto “Suasa cantiere aperto” – sostenuto dal FAI – Fondo Ambiente Italiano e da Intesa Sanpaolo nell’ambito dell’iniziativa “I Luoghi del Cuore” – che prevede il ripristino di una vasta area della Domus dei Coiedii, estesa abitazione aristocratica di epoca romana che occupava un intero isolato dell’antica città di Suasa (AN). Con le sue straordinarie dimensioni (3.300 mq) e i suoi preziosi pavimenti a mosaico, per una copertura di circa 350 mq, la domus rappresenta oggi l’attrattiva principale del Parco Archeologico Regionale della Città romana di Suasa.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it