Utile record per la Banca di Credito Cooperativo di Ostra e Morro d’Alba

Utile record per la Banca di Credito Cooperativo di Ostra e Morro d’Alba

Nel 2015 registrato il risultato di esercizio più alto da quando è stata costituita. I dati di bilancio sono stati presentati in occasione dell’assemblea annuale, che si è tenuta presso l’hotel-ristorante la Cantinella. La soddisfazione del presidente Mansanta

Utile record per la Banca di Credito Cooperativo di Ostra e Morro d’Alba

OSTRA – La Banca di Credito Cooperativo di Ostra e Morro d’Alba ha fatto registrare, nel 2015, l’utile di esercizio più alto da quando è stata costituita. I dati di bilancio sono stati presentati in occasione dell’assemblea annuale, che si è tenuta lo scorso 7 maggio presso l’hotel-ristorante la Cantinella di Ostra. E’ con profonda soddisfazione che il Presidente Mansanta, insieme a tutti i componenti del Consiglio di Amministrazione, al Collegio Sindacale e a tutti i dipendenti della Banca, ha presentato ai soci, riuniti per la circostanza, il risultato economico relativo all’anno 2015 che ha fatto registrare un utile netto di 2,8 milioni di euro. Il risultato economico è da considerarsi ancora più rilevante se si tiene conto che la banca ha continuato anche nel 2015, come aveva già fatto negli anni precedenti,  a condurre una politica prudente e rigorosa nella copertura dei crediti deteriorati. Con riferimento alla data del 31 dicembre 2015, la banca ha infatti un grado di copertura delle sofferenze superiore al 60%, valore che si pone tra i più alti a livello regionale e di sistema bancario in generale.  Passando alla dotazione patrimoniale la banca, grazie al risultato economico conseguito, ha raggiunto un livello di fondi propri pari a circa 26,7 milioni di euro.

Il grado di soddisfazione dei vertici della Banca di Credito Cooperativo di Ostra e Morro d’Alba, così come espresso in assemblea dal Presidente Mansanta, deriva anche dalla consapevolezza che, pur in presenza di una crisi economica che dura oramai da anni e  che ha colpito duramente il territorio in cui la banca opera, la dotazione patrimoniale  – e di conseguenza gli indici di solidità patrimoniale –  si sono rafforzati di anno in anno. Tale trend è confermato anche dai primi risultati relativi all’anno 2016 che, come evidenziato ai Soci presenti in assemblea, fanno registrare, per il primo trimestre 2016, un utile di circa 1,4 milioni che di fatto incrementa ancora l’indice di solidità patrimoniale (Total Capital Ratio) sopra il 16%.

Alla luce di questi risultati lusinghieri, pur nella consapevolezza che la situazione economica resterà difficile ancora per anni, la banca può guardare al futuro con moderato ottimismo, ponendosi come interlocutore privilegiato delle famiglie e degli operatori economici presenti nel territorio di competenza sia sotto il profilo del sostegno finanziario che verso gli interventi nel sociale, in ambito culturale e ricreativo.

Coerentemente con il proprio impegno a favore del territorio, al  termine dell’assemblea si è svolta la cerimonia di consegna delle borse di studio intitolate alla memoria di Corrado Orazi (ex Direttore Generale della BCC) che ha visto premiati n. 32 ragazzi (di tutti i vari gradi di istruzione) con un montante complessivo di 27.100 euro.

E’ seguita la cena sociale alla quale hanno partecipato di oltre 400 soci.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it