Un nuovo libro sugli scrittori dialettali di Senigallia

Un nuovo libro sugli scrittori dialettali di Senigallia

Un nuovo libro sugli scrittori dialettali di Senigallia

Si tratta del terzo volume della collana – edita dall’Associazione Culturale La Fenice – diretta da Domenico Pergolesi, dedicato, questa volta, al Teatro. Nell’interessante opera è inoltre presente un inserto con foto di opere degli scultori senigalliesi

Un nuovo libro sugli scrittori dialettali di Senigallia Un nuovo libro sugli scrittori dialettali di Senigallia

SENIGALLIA – Ha avuto luogo all’Auditorium San Rocco di Senigallia la presentazione ufficiale del terzo volume di scritti dialettali, questa volta dedicato al Teatro. Erano presenti tutti gli autori che fanno parte di questa antologia insieme ad un vasto gruppo di appassionati del dialetto senigalliese.

“Questo volume sugli scrittori dialettali senigalliesi – ha affermato il presidente dell’Associazione Culturale La Fenice, Angelo Cicconi Massi – segue gli altri due già editi dalla Associazione negli anni 2010 e 2011.

“L’edizione attuale è per noi soci motivo  di orgoglio e soddisfazione: infatti, nonostante le difficoltà dei tempi attuali e la modestia dei mezzi a disposizione, siamo riusciti a portare a termine ciò che ci eravamo prefissi. Ci hanno spronato l’amore che nutriamo per la nostra città e per il suo dialetto e la speranza di arricchire la storia di Senigallia con testimonianze di momenti significativi della realtà cittadina.

“Un ringraziamento particolare – ha sempre detto il presidente Angelo Cicconi Massi – va a Domenico Pergolesi il cui impegno e operosità sono stati fondamentali per la realizzazione dell’opera”.

Dopo l’intervento del Presidente dell’Associazione Culturale La Fenice  ha preso la parola il Sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi che ha lodato l’iniziativa  che onora la città. Quindi è intervenuto il direttore della collana (questo è il terzo volume che raccoglie testi dialettali) Domenico Pergolesi, che ha illustrato i motivi  che hanno spinto l’Associazione a realizzare un’opera così impegnativa, ma che salva  tanti lavori meritevoli dalla inevitabile perdita.

Successivamente è intervenuto Leonardo Badioli che ha compilato i giudizi critici del volume ed ha scelto i testi da stampare. Con un discorso appassionato e competente il professor Stefano Schiavoni ha quindi illustrato l’opera degli scultori presenti nell’inserto ad essi dedicato. Erano presenti in sala anche la figlia dello scultore Castelli e la nipote dello scultore Rossini.

Interessantissima è stata la breve sintesi che il professor Giuliano Bonvini, già preside del Liceo Perticari di Senigallia, ha fatto del suo lungo articolo sul teatro dialettale in Italia, che rappresenta una novità assoluta in quanto nelle grandi storie del teatro, il settore dialettale viene quasi sempre trascurato.

Grande successo, alla fine, hanno ottenuto la Compagnia  “I dialettanti” di Renzo Colombaroni e Patrizia Graziosi che hanno recitato un brano della commedia “Amami Alfredo” e Angelo Cicconi Massi con il monologo  “Il carattere dei Senigalliesi”.

Questo terzo volume di scritti dialettali, dedicato al Teatro, si avvale dei testi di Nicola  Leoni, Flora Manoni Rougier, Renata Sellani, Vinicio Mandolini, Nanda Tenenti Moroni, Quartilio Mancini, Edda Manoni Pagliari, Angelo Cicconi Massi, Wilma Durpetti, Giuliano Bedini, Carlo Casci Ceccacci, Graziella Urbinelli, Luigi Schiaroli, Sandro Casagrande, Laura Nigro, Renzo Colombaroni, Teatro alla Panna,  Leonardo Barucca, Simone Tranquilli, Andrea Scaloni.

C’è anche un inserto con foto di opere degli scultori senigalliesi Gabriele Bonazza, Alfio Castelli, Enrico Mazzolani, Guido Rossini, Romolo Augusto Schiavoni, Silvio Ceccarelli. Con un articolo del professor  Carlo Emanuele Bugatti. Inoltre è presente un intervento sulla Storia del Teatro dialettale in Italia del professor Giuliano Bonvini.

Nelle foto (di Patrizia Lo Conte) due momenti della presentazione dell’opera all’Auditorium San Rocco

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it