Nella Biblioteca di Senigallia una sezione dedicata allo sport cittadino

Nella Biblioteca di Senigallia una sezione dedicata allo sport cittadino

Un arricchimento per l’Antonelliana, voluto dall’ingegner Domenico Ubaldi, presidente della Consulta comunale dello Sport

 

Nella Biblioteca di Senigallia una sezione dedicata allo sport cittadino Nella Biblioteca di Senigallia una sezione dedicata allo sport cittadino S

SENIGALLIA – La Biblioteca Comunale Antonelliana continua a crescere e ora si arricchisce di una nuova sezione dedicata alla storia sportiva di Senigallia.

A farsi promotrice dell’iniziativa è stata la Consulta comunale dello Sport presieduta da Domenico Ubaldi, che ha preso spunto dall’importante tradizione sportiva della città e dalle tantissime società presenti sul territorio che abbracciano un ampio numero di discipline. L’obiettivo è dare testimonianza e diffondere il grande valore culturale che lo sport può avere attraverso il racconto di storie e personaggi, andando oltre le cronache dei risultati  per scoprire la profonda umanità che si cela dietro tanti campioni.

La nuova sezione raccoglie molte pubblicazioni che nel corso degli anni sono state date alle stampe in occasione di particolari ricorrenze. Libri che ripercorrono la storia e le gesta di atleti e sportivi locali, spesso ancora ben impresse nella memoria collettiva, spaziando dalle corse automobilistiche al calcio, dal tennis alle bocce, e tanto altro ancora.

Tra i volumi presenti c’è il recente libro di Paolo Pizzi, che ha narrato lo sport cittadino del secolo scorso attraverso il racconto diretto dei protagonisti, ma anche quelli di affermati giornalisti sportivi senigalliesi come Emanuela Audisio, una delle firme più autorevoli del panorama nazionale, a quelli di Luca Pagliari. Della raccolta, inoltre, fanno parte i testi di Enzo Pettinelli, che attraverso il la storia locale del tennistavolo racconta la trasformazione delle città e la realizzazione di un sogno sportivo durato una vita.

Nelle foto: le copertine di due libri del Maestro Enzo Pettinelli

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it