L’ospedale di Chiaravalle non subirà penalizzazioni

L’ospedale di Chiaravalle non subirà penalizzazioni

Vertice del Pd sul presidio sanitario: “E’ uguale agli altri 12 delle Marche, il punto di primo intervento funzionerà 12 ore, con assistenza medica 24 ore”

L’ospedale di Chiaravalle non subirà penalizzazioni

CHIARAVALLE – Il punto di primo intervento (ppi) di Chiaravalle non è diverso dagli altri e come gli altri deve funzionare h12 con assistenza medica h24, senza subire discriminazione alcuna. Si è concluso con questo impegno l’incontro organizzato ieri sera dal Coordinamento PD della Bassa Vallesina per discutere in merito alla riorganizzazione del presidio sanitario di Chiaravalle, dopo l’annuncio dell’Asur di ridurre l’apertura dei servizi da h12 ad h5, a partire dal 1° maggio. Annuncio che aveva sollevato ampie proteste, soprattutto da parte degli amministratori locali del PD.

Erano presenti all’incontro i vertici del PD marchigiano, con il segretario regionale, Francesco Comi, il capogruppo consiliare, Gianluca Busilacchi, il presidente della Commissione Sanità, Fabrizio Volpini, l’assessore Manuela Bora ed il consigliere Enzo Giancarli.

La riforma degli ospedali di comunità, dei ppi e della rete dell’emergenza è una riforma che va declinata nello stesso modo in tutte le tredici strutture marchigiane, senza eccezione alcuna. Tale riforma prevede il servizio di punto di primo intervento h12 in ogni ospedale di comunità e il servizio di assistenza medica h24, ad esempio tramite la guardia medica – hanno voluto chiarire sia il segretario regionale Comi che il Presidente Volpini –. Vigileremo sulla sua applicazione ed invitiamo, pertanto, l’Asur a produrre le opportune e tempestive correzioni perché quanto prima sia stabilizzato il servizio“.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: