Falconara, cambiano gli orari dei negozi nella zona della Stazione

Falconara, cambiano gli orari dei negozi nella zona della Stazione

Siglata dal sindaco Goffredo Brandoni l’ordinanza per le limitazioni delle apertura delle attività

Falconara, cambiano gli orari dei negozi nella zona della Stazione

FALCONARA – Questa mattina il Sindaco Goffredo Brandoni ha presentato in conferenza stampa l’ordinanza di limitazione degli orari degli esercizi di vicinato nella zona della stazione ferroviaria. Il provvedimento interessa le attività poste in via Flaminia nel tratto compreso tra via Mameli e via Fratti. Nel dettaglio per le attività di vicinato, le attività artigianali e le attività di commercio su aree pubbliche l’orario di apertura è consentito dalle 6,00 alle 22,00. Rientrano nella limitazione tutti gli esercizi di vicinato del settore alimentare (compresi quelli ove si effettua la somministrazione non assistita) e non alimentare, artigiani del settore alimentare (Kebab, take away, piadinerie, rosticcerie, friggitorie da asporto, gastronomie, pizzerie da asporto, gelaterie, pasticcerie, ecc);

Sono esclusi dalla limitazione le attività di commercio su aree pubbliche se previste ed effettuate nell’ambito di mercati, fiere e manifestazioni commerciali svolte nell’area.

Per quanto riguarda invece le attività che effettuano la somministrazione di alimenti e bevande, anche se in forma accessoria (con esclusione della somministrazione non assistita) e che siano dotate di idonea area di somministrazione interna, l’orario di apertura è consentito  dalle ore  5,00 alle ore 24,00 (rientrano in tale limitazione i pubblici esercizi ex art. 86 e 88 TULPS quali sale da gioco e di raccolta scommesse).

Ovviamente la limitazione oraria vale anche per gli ambulanti, ma non vige in caso di mercati, ferie e manifestazioni commerciali svolte nell’area.

In caso di violazioni è prevista una sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 25 a 500 euro (pagamento di 50 euro in forma ridotta)  salvo che il fatto non costituisca reato. In caso di particolare gravità o di recidiva  (violazione commessa per due volte in un anno) si applicherà la sanzione accessoria della sospensione dell’attività per un periodo da uno a sette giorni.

“In tutte le città purtroppo c’è il problema di crescente insicurezza e mancanza di decoro – spiega il Sindaco Brandoni -. Nel tempo ho dovuto ricevere esercenti e residenti della zona della stazione che hanno segnalato che le attività economiche insediatesi nella zona della stazione ferroviaria, che a vario titolo ed in diversa misura svolgono le proprie attività in orari serali e notturni, attraggono nella zona clienti avventori, che rimangono  a consumare cibi e bevande fino a tarda ora sull’area pubblica o di uso pubblico nei pressi delle medesime attività e nelle immediate adiacenze; che i clienti avventori delle attività che si soffermano a consumare cibi e bevande fino a tarda ora sull’area pubblica o di uso pubblico, nei pressi delle attività o nelle immediate vicinanze,  sovente tengono un comportamento che arreca danni e disturbo, causando problemi in tema di sicurezza urbana; e infine che i clienti, gli avventori ed in generale coloro che più frequentemente  si attardano o appaiono in orari serali e notturni sono spesso persone sbandate, senza fissa dimora e talvolta pregiudicati, che abusando di bevande alcoliche, si rendono protagoniste di schiamazzi, danneggiamenti, oscenità e alterchi o aggressioni”.

“Preferisco che qualcuno non sappia dove prendere un caffè – prosegue il primo cittadino – anzi che un genitore che quando la figlia torna col treno dall’università ha paura di passare davanti a quei locali. Meglio allora essere senza locali aperti che con quel tipo di attività che anche loro malgrado creano assembramenti di persone che come detto spesso sono sbandati, e con precedenti. sempre in attesa che Rfi pubblichi il bando per la riapertura del bar della stazione”.

Nel frattempo si lavora anche ad un’altra ordinanza.

“Per ora ci limitiamo a questa – annuncia il sindaco Brandoni – ma stiamo lavorando anche per riproporre l’ordinanza, che era scaduta, per quanto riguarda l’anti bivacco.  A suo tempo era efficace ed aveva in parte ridotto il fenomeno e potrebbe essere riproposta così com’è ma stiamo valutando come calibrare meglio il dispositivo”.

L’ordinanza sugli orari di apertura in zona stazione andrà in vigore dalla mezzanotte di oggi, ma non con lo scopo di elevare multe. L’obiettivo è quello di agire sulla prevenzione per stroncare un fenomeno che è divenuto motivo di allarme  e turbativa per la collettività.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it