Alla Biblioteca di San Costanzo arriva la “Primavera della Legalità”

Alla Biblioteca di San Costanzo arriva la “Primavera della Legalità”

Alla Biblioteca di San Costanzo arriva la “Primavera della Legalità”

Appuntamento venerdì 6 maggio, alle ore 21, a Palazzo Cassi con Marisa Acagnino, presidente di sezione del Tribunale Civile di Catania, ex sostituto procuratore alla Direzione Distrettuale Antimafia e Rosario Barchitta, imprenditore siciliano che ha denunciato i propri estorsori, iscritto alla lista “Pizzo-free”

Alla Biblioteca di San Costanzo arriva la “Primavera della Legalità” Alla Biblioteca di San Costanzo arriva la “Primavera della Legalità” Alla Biblioteca di San Costanzo arriva la “Primavera della Legalità”

SAN COSTANZO – Venerdì 6 maggio alle ore 21.00, la Biblioteca Comunale di San Costanzo “Don Antonio Betti”, presso Palazzo Cassi, ospiterà una serata di approfondimento sul tema della legalità. L’incontro vede la presenza di Marisa Acagnino, Presidente di sezione del Tribunale Civile di Catania, ex Sostituto Procuratore alla Direzione Distrettuale Antimafia- Catania e Rosario Barchitta, imprenditore siciliano che ha denunciato i propri estorsori, iscritto alla lista “Pizzo-free”.

L’appuntamento, oltre ad ascoltare le testimonianze di Acagnino e Barchitta, sarà utile per parlare della libertà di impresa e della lotta alla criminalità organizzata in un territorio, quello siciliano, dove la mafia riesce a condizionare non solo le scelte politiche ma anche le scelte di vita dei cittadini.

Parlare di criminalità organizzata nella provincia di Pesaro significa educare i cittadini, particolarmente i giovani, a mantenersi vigili nei confronti di una mafia che non opera certamente solo nelle regioni meridionali. Proprio per questo come moderatrice della serata interverrà la giornalista Giulia Torbidoni, autrice del documentario “L’isola felice” sulla criminalità nelle Marche.

L’iniziativa è organizzata dal Gruppo Fuoritempo e dall’Amministrazione Comunale di San Costanzo, in collaborazione con Sistema Bibliotecario CoMeta, ed è inserita all’interno del manifesto “La Primavera della Legalità” che vede impegnate molte associazioni della Provincia di Pesaro Urbino in un Coordinamento Antimafia.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it