A Maiolati e Rosora si va avanti con la fusione

A Maiolati e Rosora si va avanti con la fusione

Sono previste assemblee pubbliche per esaminare il progetto di unificazione per incorporazione (da venerdì 15 aprile)

A Maiolati e Rosora si va avanti con la fusione

MAIOLATI SPONTINI – Le Amministrazioni comunali di Maiolati Spontini e Rosora hanno organizzato una serie di assemblee pubbliche in vista del referendum consultivo del 29 maggio nel quale i cittadini dei due Comuni dovranno esprimersi sul progetto di fusione per incorporazione di Rosora. Il primo incontro, all’insegna dello slogan “Una scelta per il futuro: riprogettiamo insieme il governo del territorio della Media Vallesina”, è in programma venerdì 15 aprile, alle ore 21, nel Centro comunale 6001, in via Carducci a Moie.

Le assemblee proseguiranno, tutte allo stesso orario, il 19 aprile a Rosora, nella sede di palazzo Luminari, in centro storico, il 21 aprile a Moie, nei locali del bocciodromo, in via Largo Tien Am En, il 22 aprile ad Angeli, nell’aula magna della scuola media, in via Leopardi, il 3 maggio in località Calcinaro, nel ristorante “L’Oasi”, e infine il 6 maggio a Maiolati Spontini, nei locali dell’ex palestra, in via Erard. I sindaci di Maiolati Spontini Umberto Domizioli e di Rosora Lamberto Marchetti invitano tutta la cittadinanza a partecipare.

“Lo scopo ultimo del progetto – ricorda il sindaco Domizioli – è migliorare i servizi per i cittadini. Un risultato che, di fronte alla progressiva riduzione dei trasferimenti statali, diventa possibile solo con la razionalizzazione e la ricerca di sinergie fra i Comuni del territorio. La fusione per incorporazione tra Maiolati Spontini e Rosora rappresenta la soluzione per continuare a garantire un livello adeguato di servizi in termini qualitativi e quantitativi. Inoltre, fra i risvolti positivi, una volta ottimizzate le prestazioni delle risorse umane, sarà possibile anche effettuare nuove assunzioni”.

Le prossime tappe della prima fase del progetto, dopo la presentazione e condivisione con i cittadini tramite le assemblee, sono rappresentate dal referendum consultivo del 29 maggio, dall’approvazione della fusione da parte della Regione Marche, dal nuovo Statuto del comune di Maiolati Spontini, dallo scoglimento del consiglio comunale di Rosora e, infine, dalla nascita dell’unico Comune, che provvisoriamente mantiene il nome di Maiolati Spontini. Il nuovo ente avrà, in base ai dati anagrafici attuali, 8.265 abitanti (Rosora ne ha 1.997 e Maiolati Spontini 6.268) e una superficie totale di 30,90 chilometri quadrati.

Il progetto contempla anche una seconda fase, nella quale sarà proposto, in via prioritaria, ai comuni dell’attuale Unione della Media Vallesina, ossia Castelplanio, Montecarotto e Poggio San Marcello.

Il Consiglio comunale di Maiolati Spontini aveva espresso parere favorevole all’indizione del referendum consultivo per avviare il processo di fusione con Rosora nella seduta dello scorso 1° aprile. Una decisione, aveva commentato il sindaco Domizioli, che “rappresenta al contempo l’epilogo e il punto di partenza di un lungo dibattito sul progetto di fusione tra gli amministratori dei Comuni aderenti all’Unione dei Comuni della media Vallesina. Dibattito che ha visto Maiolati impegnato in prima fila anche in Consiglio comunale sin dal 2013. Questa scelta è il punto zero da cui partire, un primo passo, necessariamente da condividere con gli altri Comuni limitrofi che dovranno essere gli attori protagonisti del cambiamento. Un progetto trascinante, una sfida ambiziosa che solo uniti si potrà vincere”.

Le assemblee sono l’occasione per condividere ed eventualmente rimodellare in termini democratici le linee programmatiche in ordine alla riorganizzazione degli uffici, dei servizi ed all’omogeneizzazione dei procedimenti, dei regolamenti e delle tariffe.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it