Furti, rapine, aggressioni: cresce la paura tra la gente

Furti, rapine, aggressioni: cresce la paura tra la gente

Furti, rapine, aggressioni: cresce la paura tra la gente

Il vice segretario di Fratelli d’Italia, Letizia Conter, propone a Fano il  controllo del vicinato

Furti, rapine, aggressioni: cresce la paura tra la gente FANO – “Non passa giorno – afferma in una nota Letizia Conter, vice segretario di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale di Fano – in cui sui giornali non siano presenti notizie di furti, rapine e di episodi sempre più frequenti che minano la tranquillità di ogni normale cittadino. Il fenomeno della delinquenza si è purtroppo diffuso a macchia d’olio, a partire dai grandi centri fino alla nostra città. E’ purtroppo sotto gli occhi di tutti: ormai anche qui a Fano il tasso di delinquenza sembra essere cresciuto a dismisura.

Parlo da donna, da mamma: francamente quando esco da sola o, peggio ancora, con mio figlio di 4 anni non mi sento assolutamente tranquilla. A qualsiasi ora del giorno, purtroppo, mi trovo a guardarmi le spalle perché ormai non c’è una zona di Fano che non sia frequentata da individui poco raccomandabili. Ed i fatti di cronaca locale lasciano trarre le dovute conclusioni.

“Tuttavia non sono qui a fare sterile polemica e puntare il dito contro qualcuno. Quello che vorrei, come cittadino, è trovare una soluzione che sia fisicamente realizzabile con le poche risorse a disposizione (tutti conosciamo quanto siano sottodimensionate le Forze dell’Ordine). Come cittadino voglio impegnarmi anche in prima persona affinché possa sentirmi nuovamente sicura a casa mia, nella mia città.

“In parte la soluzione esiste, non è certo di mia invenzione, e si chiama “Neighbourhood Watch” ovvero “Controllo del Vicinato”.

Il “Neighbourhood Watch” è un programma di auto-organizzazione tra vicini, nato negli Stati Uniti negli anni 60/70 ed arrivato in Gran Bretagna negli anni ’80. Negli ultimi tempi si sta ampiamente diffondendo anche in molti comuni italiani. Quest’attività prevede la realizzazione di un “vicinato vigile e consapevole” per controllare l’area intorno alla propria abitazione.  Non si tratta di “ronde” oppure di cittadini che diventano giustizieri. Nulla di ciò.

Si tratta di riscoprire quell’atteggiamento di collaborazione che esisteva all’epoca dei nostri nonni, in cui si parlava un po’ di più con i propri vicini di casa, ristabilendo proprio quella forma di aggregazione urbana che ormai definiremmo di altri tempi. Parallelamente, grazie agli strumenti di comunicazione dei nostri giorni, sarà possibile notificare istantaneamente alla comunità intera eventuali “azioni sospette” che dovessero essere riscontrate.

La collaborazione tra vicini è fondamentale perché i molti occhi di chi abita il quartiere rappresentano sicuramente un deterrente per chi vuole compiere furti o altro genere di illeciti.

Anche le Forze dell’Ordine beneficeranno di questa attività: il dialogo continuo e sensibile, unito alla sorveglianza della propria via o del proprio quartiere, non potranno che migliorare la qualità delle segnalazioni fatte dai cittadini.

“Così come quotidianamente sulla stampa si leggono notizie di furti, scippi, aggressioni e così via, è anche vero che di recente mi è capitato di leggere di altrettanti avvenimenti illeciti sventati grazie a tempestive segnalazioni di “movimenti sospetti” su Gruppi di cittadini creati su WhatsApp o su Social.

Anche nella nostra comunità fanese questo già in parte accade. Sempre più spesso nel Gruppo Facebook “La Fano che ci piace o non ci piace“, ad esempio, ho visto segnalazioni di cittadini proprio in riferimento a tematiche di sicurezza. Dunque ho pensato: perché non iniziare proprio con un Gruppo su Facebook avente tale scopo, per la nostra realtà Fanese?

Per chiunque volesse raggiungere la comunità virtuale – ma assolutamente reale – la pagina FaceBook è: Controllo del Vicinato FANO.

Per concludere, vorrei fare un appello al Sindaco MASSIMO SERI (che, ricordiamo, ha anche la Delega per la Polizia Municipale) e a SAMUELE MASCARIN (Assessore Legalità e Responsabilità): come cittadino di Fano, vi chiedo pubblicamente di aderire all’Associazione Controllo del Vicinato.

Si tratta di un’associazione assolutamente apolitica, una rete territoriale di volontari e specialisti volontari che forniscono consulenza e supporto gratuito alle Amministrazioni Comunali, alle associazioni locali e a privati cittadini che intendono sviluppare nel proprio territorio programmi di sicurezza residenziale e organizzarsi in gruppi di controllo del vicinato (sito ufficiale www.controllodelvicinato.it).

Questa iniziativa deve ovviamente essere concordata con le Forze dell’Ordine, uniche preposte alla sicurezza: pertanto l’Amministrazione Comunale dovrebbe promuoverla ufficialmente interfacciandosi e coordinandosi proprio con le Forze dell’Ordine.

Sarebbe un modo utile, e soprattutto a COSTO ZERO – conclude Letizia Conter, vice segretario di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale di Fano -, per creare una sinergia tra Amministratori Comunali, rappresentanti delle Forze dell’Ordine ed associazioni di Cittadini al fine di migliorare la sicurezza nostra e dei nostri figli”.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it