Frana di Orciano, martedì vertice in Prefettura

Frana di Orciano, martedì vertice in Prefettura

Tagliolini: “La Provincia è parte lesa. Eravamo già pronti a dicembre, come comunicato a sindaco e MMS, se le assicurazioni avessero concluso l’iter. Dal primo aprile le competenze su Protezione civile e difesa del suolo non sono più nostre”

Frana di Orciano, martedì vertice in Prefettura

Frana di Orciano, martedì vertice in PrefetturaPESARO – Il presidente della Provincia di Pesaro e Urbino Daniele Tagliolini parteciperà domani ad una riunione convocata dal prefetto Luigi Pizzi sulla frana di Orciano, (verificatasi il 2 ottobre 2015) a cui sono stati invitati anche il sindaco di Orciano di Pesaro Stefano Bachiocchi e l’amministratore delegato di Marche Multiservizi Mauro Tiviroli.

“Ci fa piacere che il Prefetto – evidenzia il presidente della Provincia Daniele Tagliolini – si sia fatto promotore di un incontro per giungere prima possibile alla soluzione del problema. La Provincia in tutta questa vicenda è parte lesa, visto che il danno non è stato provocato da noi ma lo abbiamo subito. Nonostante questo, mi ero reso disponibile da subito, con il sindaco di Orciano e l’amministratore delegato di Marche Multiservizi, a stanziare se necessario risorse aggiuntive rispetto a quelle previste (si parla di una spesa totale di 450mila euro per il ripristino della strada, ndr) se le compagnie di assicurazione avessero completato l’iter entro dicembre, così da poter effettuare l’intervento prima di aprile e dare risposte celeri alla popolazione. Questo perché dal primo aprile, come previsto dalla riforma ‘Del Rio’, la Provincia non ha più funzioni di protezione civile e difesa del suolo, né risorse legate a questi settori”.

Tagliolini ricorda come la Provincia di Pesaro e Urbino, dopo la frana, avesse predisposto anche un progetto esecutivo per la sistemazione, proprio per accelerare i tempi. “Abbiamo fatto tutto quello che era nelle nostre possibilità, ora i passi per risolvere il problema li deve fare qualcun altro, non noi”. (g.r.)

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it