Due alunni del Liceo Apolloni vincitori al Premio Worthington 2016

Due alunni del Liceo Apolloni vincitori al Premio Worthington 2016

Anche quest’anno la sezione Arti Figurative dell’Istituto fanese ha trionfato ad Urbino

Due alunni del Liceo Apolloni vincitori al Premio Worthington 2016 Due alunni del Liceo Apolloni vincitori al Premio Worthington 2016FANO – Anche quest’anno la sezione Arti Figurative del Liceo Artistico “Apolloni” ha partecipato al Premio Eleanor Worthington, alla sua ottava edizione col tema: “DISABILITÀ E ACCESSIBILITA. I SERVIZI” Nove sono stati gli elaborati presentati, tutti visionabili nel sito del Premio: www.premioeleanor.it Il 21 aprile, presso il Collegio Raffaello di Urbino, si è tenuta la premiazione: su otto premi ben due sono stati assegnati ai nostri alunni. Il Sig. Martin Worthington ha consegnato il premio di duecento euro: uno, premio della giuria, a Slyvka Kateryna della classe V A con il “Gioco dell’OKa / trova la via d’accesso OK per andare a scuola” ed uno, premio del pubblico, a Sgreccia Serena della classe IV A con il gioco: “Il percorso di ognuno è il percorso di tutti”.

IL PREMIO ebbe inizio nel 2009 in ricordo di Eleanor Worthington, ragazza disabile che dal 1998 al 2003 frequentò l’Istituto d’Arte di Urbino in cui le venne offerta grande possibilità di esprimersi. La famiglia, gli amici e la Scuola hanno voluto trasformare la storia individuale di Eleanor in esperienza collettiva, al fine di contribuire alla consapevolezza della problematica delle disabilità, soprattutto tra le persone giovani. Lo scopo è l’abbassamento delle barriere, a cui la società deve essere disposta in modo che le persone disabili vivano meglio. In collaborazione con il Liceo Artistico “Scuola del Libro” di Urbino, e con il Comune di Urbino è stato istituito il Premio. Il tema di questa ottava edizione invitava a meditare su “come le disabilità, nelle loro varie forme, restringono e rendono difficile per l’individuo accedere ai servizi, pubblici e privati, della cultura, del commercio, dei trasporti, quali ad esempio biblioteche, musei, esposizioni, teatri, negozi, aeroporti, stazioni, per problemi di spazio percorribile, segnaletica, sportelli adeguati, ausili acustici e visivi.”

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: