A Cartoceto le eccellenze regionali delle bocce

Premiate a Cartoceto le eccellenze regionali delle bocce

Una grande festa per la consegna dei meritati riconoscimenti. In archivio anche la trentacinquesima edizione del Premio Marche

A Cartoceto le eccellenze regionali delle bocce A Cartoceto le eccellenze regionali delle bocce

CARTOCETO – Le immagini e le emozioni della 35ª edizione del Premio Marche finiscono nell’archivio dei ricordi più preziosi. La kermesse delle bocce marchigiane ha saputo riempire il Teatro del Trionfo di Cartoceto di passione, spettacolo e vera commozione in un vortice di sensazioni che solo una manifestazione così radicata sa regalare. Il movimento boccistico regionale ha applaudito e premiato i suoi campioni e le sue personalità e lo ha fatto nel coinvolgente scenario di uno dei più antichi teatri delle Marche.

La splendida ospitalità e collaborazione del sindaco Enrico Rossi, dell’assessore alla cultura Matteo Andreoni e di tutta l’Amministrazione comunale di Cartoceto hanno assicurato ulteriore condivisione ad una festa a cui hanno dato ulteriore peso specifico le presenze del presidente nazionale della Fib, Romolo Rizzoli, e del presidente della Vuelle Pesaro, Ario Costa. “35 anni non sono pochi – ha sottolineato il presidente della Fib Marche, Andrea Evangelisti –, il Premio Marche necessita di un grande sforzo, ma credo ne valga la pena”. Sicuramente, a guardare i volti felici ed anche commossi di Gelsomino Torcolacci (categoria dirigenti), di Paolo Catena, titolare della Catena Services (sponsor), di Enzo Tonelli, presidente della bocciofila La Combattente (società), di Domenico Torresi, presidente della bocciofila Morrovalle (società), di Luca Santone (giocatore senior), di Matteo Lucchetti e Gabriele Marinelli (giocatori junior) e di Vanila Tulli (giocatrice) che hanno ricevuto la prestigiosa statuetta del Premio Marche raffigurante la Dea della fortuna, ma anche quelli di Fabio Sturani (premio speciale regionale) ed Ernesto Mazzei (premio speciale nazionale). Particolarmente toccante il ricordo di Francesco Casturà, a cui è stato dedicato un premio speciale straordinario consegnato al commosso papà Luigi.

Come sempre curata nei dettagli l’organizzazione del Comitato Marche della Federbocce, ulteriore soddisfazione per l’impegno e la dedizione profusi nell’allestimento di un evento così ricco, che ha avuto nelle esecuzioni del Rossini Street Quartet (Daniele Mancini al sax soprano e contralto, Andrea Fanesi al sax contralto, Luca Marinelli al sax tenore e Massimiliano Bertozzi al sax baritono) una perfetta colonna sonora. Con la consueta solida e vivace conduzione di Antonella Ciocca, accompagnata nelle premiazioni da Laura Cappannini, il 35° Premio Marche ha lasciato il testimone, nella serata del Ristorante Agli Olivi, alla Festa dei Campioni con le premiazioni di coloro che hanno conquistato titoli italiani nel 2015, ovvero Domenico Dari, Simone Renzi e Luca Santone (Montegranaro, titolo senior della terna di categoria A), Gianfranco Bartoccioni (La Combattente, titolo senior individuale di categoria C), Massimo Magnarelli (Anthropos Civitanova, titolo singolo Fisdir/Fib nella categoria Élite), Manuel De March (Aispod Fano, titolo singolo Fisdir/Fib nella categoria C21), Manuel Anniballi e Manuel De Marche (Aispod Fano, titolo a coppia Fisdir/Fib nella categoria C21), Marco Facchino e Mirco Governatori (Anthropos Civitanova, titolo a coppia  Fisdir/Fib nella categoria Promozionale), La Sportiva Castel di Lama (tecnico Alfredo Bachetti, atleta capitano Giancarlo Vannicola, atleti Riccardo Carboni, Matteo Ciotti, Gianluca Gagliardi, Franco Poli, Emidio Tordini) che ha conquistato il titolo tricolore di Terza Categoria), Alessia Valenti (titolo individuale under 14) e Flavia Morelli (titolo individuale under 18). La serata conviviale è stata anche l’occasione per presentare l’edizione 2016 del vademecum-calendario ed omaggiare i tanti partner che annualmente ne consentono la realizzazione e garantiscono un prezioso sostegno all’attività delle bocce marchigiane.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it