A Senigallia un corso di formazione per facilitatori

A Senigallia un corso di formazione per facilitatori 

Verrà presto costituito un Gruppo A.M.A. presso la sede dell’associazione Primavera Onlus

A Senigallia un corso di formazione per facilitatori    A Senigallia un corso di formazione per facilitatori  A Senigallia un corso di formazione per facilitatori  A Senigallia un corso di formazione per facilitatori  A Senigallia un corso di formazione per facilitatori

di ALBERTO BRUSCHI

SENIGALLIA – Si è svolto, con successo il Corso di Formazione per Facilitatori di gruppi di Auto Mutuo Aiuto (A.M.A.) promosso dalla Associazione Primavera Onlus, finanziato dal Centro Servizi Volontariato CSV Marche e con la preziosa collaborazione di altre Associazioni del settore e  con il patrocinio del Comune di Senigallia.
L’ interessante e proficua giornata formativa, coordinata dalla presidente   dell’Associazione Cristina Berluti presente anche il co-fondatore Giuseppe Paglialunga, ha visto l’attenta partecipazione di oltre 30 iscritti  composti da familiari di persone con disagio psichico, volontari dell’associazione, operatori socio-sanitari e professionali, provenienti dal territorio dell’anconetano e  del pesarese .
Le lezioni teoriche esperimentate praticamente in tre Gruppi di lavoro autogestito, sono state tenute da uno dei maggiori esperti di Associazioni A.M.A oggi  in Italia, Stefano Bertoldi, ideatore fondatore di numerosi Gruppi nel Trentino, ed hanno fornito approfondite conoscenze  e strumenti  sia nella fase costitutiva che gestionale del Gruppo oltre a dettagliate regole e indicazioni per l’importante ruolo del  Facilitatore, come guida e garante dei percorsi  autoterapeutici finalizzati al cambiamento di stili di vita  ed in generale alla promozione del  benessere personale e sociale dei partecipanti.
Questa indovinata metodologia di aiuto scambievole ispirata al principio della mutualità (molto diffusa all’estero c.d. Mutual Aid ) tra soggetti  con problematiche  similari ed eventuali loro famigliari (dipendenze, disturbi psichici, particolari situazioni di fragilità, ecc.), assistita anche da operatori professionali,  può rappresentare un valido strumento complementare  del  “privato sociale” nei confronti delle attività socio-sanitarie nella sanità  pubblica, peraltro sottoposta- specie in questo momento – a misure riorganizzative comportanti talvolta anche tagli di risorse e di personale.

Molti successi  sono stati ottenuti in Italia nel campo del trattamento delle dipendenze da alcolismo (Gruppi Alcolisti Anonimi ) esteso anche a recenti nuove forme patologiche (ludopatia, internet dipendenza, ecc.), dove l’apporto esperenziale nel Gruppo di chi ha superato la malattia in collaborazione con il Facilitatore, risulta determinante.

La Presidente Berluti, a fine giornata, a conclusione dei lavori del riuscito Corso Formativo, nel  ringraziare il relatore ed i partecipanti, ha preannunciato che a breve verrà avviato una  sperimentazione ” concreta” di un Gruppo A.M.A.- su scorta della preziosa documentazione formativa ed informativa in possesso-in ascolto con i familiari dei pazienti che frequentano  l’Associazione  Primavera  anche mediante incontri  quindicinali, facilitati dalla Psicologa Dott.ssa Simona Tonti.

Trattasi quindi di  un ulteriore servizio integrativo rispetto alle diverse attività che l’Associazione  Primavera Onlus svolge da anni, a fianco delle famiglie di pazienti con disagio psichico e sociale ed in collaborazione con le strutture socio-sanitarie locali.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: