Vincenzo Prediletto ha presentato a Marzocca l’antologia di Lorenzo Spurio

Vincenzo Prediletto ha presentato a Marzocca l’antologia di Lorenzo SpurioVincenzo Prediletto ha presentato a Marzocca l’antologia di Lorenzo SpurioVincenzo Prediletto ha presentato a Marzocca l’antologia di Lorenzo Spurio12-IMG_9835

Vincenzo Prediletto ha presentato a Marzocca l’antologia di Lorenzo Spurio

I due volumi di Convivio in Versi, una vera e propria mappatura della poesia marchigiana, sono stati illustrati nei locali della Biblioteca Luca Orciari

Vincenzo Prediletto ha presentato a Marzocca l’antologia di Lorenzo Spurio Vincenzo Prediletto ha presentato a Marzocca l’antologia di Lorenzo Spurio Vincenzo Prediletto ha presentato a Marzocca l’antologia di Lorenzo Spurio Vincenzo Prediletto ha presentato a Marzocca l’antologia di Lorenzo Spurio Vincenzo Prediletto ha presentato a Marzocca l’antologia di Lorenzo Spurio Vincenzo Prediletto ha presentato a Marzocca l’antologia di Lorenzo Spurio Vincenzo Prediletto ha presentato a Marzocca l’antologia di Lorenzo Spurio Vincenzo Prediletto ha presentato a Marzocca l’antologia di Lorenzo Spurio Vincenzo Prediletto ha presentato a Marzocca l’antologia di Lorenzo Spurio Vincenzo Prediletto ha presentato a Marzocca l’antologia di Lorenzo Spurio Vincenzo Prediletto ha presentato a Marzocca l’antologia di Lorenzo Spurio Vincenzo Prediletto ha presentato a Marzocca l’antologia di Lorenzo Spurio Vincenzo Prediletto ha presentato a Marzocca l’antologia di Lorenzo SpurioSENIGALLIA – Pubblico delle grandi occasioni nella gremitissima Biblioteca “L. Orciari” di Marzocca per assistere e partecipare attivamente all’evento speciale organizzato con cura e lodevole spirito di divulgazione culturale dallo staff direttivo dell’attivissima Biblioteca per il pomeriggio domenicale del 28 febbraio. Il Presidente Mauro Mangialardi alle 17,30  ha aperto l’incontro pubblico presentando gli ospiti – relatori, il critico letterario prof. Vincenzo Prediletto in qualità di presentatore e conduttore, lo scrittore e critico jesino Lorenzo Spurio, il poeta Elvio Angeletti, collaboratore e membro del Direttivo della Biblioteca e porgendo i saluti del Sindaco , dell’Amministrazione comunale di Senigallia e dell’assessore alla cultura Simonetta Bucari, impegnati in città per altri eventi. A questo punto il prof. Prediletto ha dato il benvenuto a tutti i poeti in sala, nonché ai cittadini cultori ed appassionati di poesia in ambito locale e regionale, presentando al suo fianco il giovane scrittore e critico jesino Lorenzo Spurio, curatore della corposa Antologia in due volumi “Convivio in versi” – Mappatura democratica della Poesia Marchigiana e fresco vincitore appena ieri del 1° premio per Poesia singola del Concorso internazionale “Città di Ancona” organizzato dall’Ass.ne “Voci Nostre”. Ha poi precisato di conoscere ed apprezzare Lorenzo Spurio da due anni, avendo presentato nel maggio 2014 presso la Biblioteca “Zavatti” di Civitanova Marche la sua interessante raccolta di racconti “La cucina arancione” e a fine ottobre 2015 proprio con lui nel Centro Sociale Adriatico  ex Cinema di Marzocca le tre raccolte poetiche della qui presente montignanese Edda Baioni Iacussi. Subito dopo, il presentatore ha sottolineato, mostrandoli al pubblico, che i due volumi pubblicati nel mese di febbraio da Poetikanten Edizioni di Sesto Fiorentino (FI) per la Collana Insieme (1° vol. Poesia in lingua italiana- comprende 173 poeti in 462 pagine – 2° vol. Poesia in dialetto – 113 poeti in vernacolo – pagg.279) costituiscono  una realizzazione editoriale davvero pregevole, sostanziosa e di alto livello qualitativo, con  bellissime copertine retrocopertine ed alette di sicuro fascino ed impatto visivo grazie alle illustrazioni che evidenziano le eccellenze architettoniche, storiche e paesaggistiche di diverse città rendendo omaggio alle perle di forte richiamo culturale e turistico di una Regione al plurale, come si definiscono le Marche. Il versatile scrittore, poeta e promotore culturale jesino a 360 gradi, creatore di un apprezzato e seguitissimo blog letterario attivo dal 2011, considerato da chi scrive una delle voci giovani più attive e rappresentative della letteratura italiana e marchigiana contemporanea, rispondendo successivamente ad alcune congrue domande del conduttore sull’ideazione dell’antologia, sulla lunga e complessa operazione di ricerca sul campo e sulla conseguente pubblicazione, ha ben precisato che i due volumi sono l’esito soddisfacente di un impegnativo lavoro portato a termine – dopo circa tre anni di ricerche in città e paesi delle varie province, interviste ai poeti viventi e non, o ai loro eredi e familiari per ottenere informazioni dirette, testimonianze, documenti inediti, autorizzazioni, selezione accurata e le necessarie scelte personali in vista della stampa e pubblicazione dell’Antologia.

Questa realizzazione editoriale, come puntualizzato dal prof. Prediletto nel discorso d’apertura, che dà spazio e voce a 286 poeti nati o operanti nelle Marche a partire dal 1850 fino alle giovani generazioni ( 113 poeti in vernacolo nel secondo tomo e tre poesie “democraticamente” inserite per ogni autore  nei due volumi) rappresenta pertanto oggi una chicca, un tesoretto che consente di arricchire il patrimonio letterario delle Marche in particolare – dopo l’ultima pubblicazione del poeta maceratese Guido Garufi nel ’98 “La Poesia delle Marche – Il Novecento, di far conoscere e valorizzare nella memoria collettiva il talento creativo tra oralità e scrittura di tanti poeti  più o meno conosciuti e di altrettante nuove e promettenti leve del piccolo eppur fecondo territorio marchigiano.

La parte centrale dell’evento è proseguita con la declamazione di una poesia in italiano tra le tre pubblicate sull’Antologia da parte degli autori presenti in sala, di volta in volta chiamati dal conduttore: Elisabetta Freddi, Fiorina Piergigli, Marisa Landini, Valtero Curzi, Giancarlo Giaccani, Lorenza Zampa, Luciano Innocenzi, Stefano Riccardi, Silvia Cingolani,Lena Maltempi,Andrea Pergolini,Andrea Crostelli, Paola Mancinelli ed Elvio Angeletti, ringraziato da Spurio come promotore dell’evento e suo prezioso consigliere e collaboratore nell’ambito dei poeti locali e senigalliesi. Spente le luci in sala, il poeta senigalliese Franco Patonico ha proiettato un  toccante e breve video di 5 minuti realizzato da Lorenzo Spurio in omaggio all’apprezzata poetessa e promotrice culturale portorecanatese Novella Torregiani scomparsa nel 2015, alla cui memoria è stato conferito un premio speciale dalla Giuria del Concorso letterario “L’Arte in versi” nel novembre scorso consegnato al figlio.

Il conduttore ha quindi dato il via al secondo gruppo di autori che stavolta hanno declamato una propria poesia in vernacolo ; sono intervenuti così Edda Baioni Iacussi, Letizia Greganti, Maria Pia Silvestrini, Franco Patonico, Lucio Cammerucci, Francesca Innocenzi, Antonio Cerquarelli (ringraziato da Spurio per la bella e gradita presentazione di lunedì in anteprima dell’Antologia a Sassoferrato) e Giuliana Aniballi che ha letto “ La Minigonna” dello  scomparso Marino Saudelli di S. Giorgio di Pesaro. A sorpresa, infine, il prof. Prediletto ha voluto omaggiare la marchigianità dedicando ai presenti la lettura della significativa poesia “ Marchigiano” di Giorgio Umani, avvocato di Cupramontana scomparso nel 1965, che ha riscosso applausi e consensi per la perfetta ed ironica descrizione del carattere, dei pregi e difetti del marchigiano. Rivolto un plauso a Lorenzo per il pregevole e prezioso lavoro letterario ed editoriale, che si avvale – per la pregnanza qualitativa ed il forte interesse locale nell’ambito della poesia regionale – del Patrocinio morale dei Comuni di Ancona, Jesi,Senigallia,Pesaro, Fano, Urbino,Fermo, Civitanova Marche, Ascoli Piceno, S. Benedetto del Tronto e dell’Università “Carlo Bo” di Urbino, il conduttore dell’evento ha ringraziato vivamente per l’ascolto attento e partecipe tutti i presenti, tra cui  il prof. Giulio Moraca, il dr. Donato Mori, attivi collaboratori della Biblioteca, l’esperto attore teatrale Giuseppe Di Mauro, nonché Elvio Angeletti e Franco Patonico per il loro contributo alla riuscita dell’evento. Prima degli applausi finali al curatore e al conduttore, Mauro Mangialardi ha voluto leggere un biglietto appena pervenuto con i saluti dell’on. Giuseppe Orciari, impossibilitato ad essere presente.

Nel chiudere il gradevole incontro intorno alle 19,30, il prof. Prediletto ha augurato buona fortuna a Lorenzo Spurio auspicando che l’Antologia possa quanto prima non mancare anzi essere letta e divulgata nelle numerose biblioteche marchigiane, negli enti istituzionali e culturali, negli istituti scolastici e nelle case non solo degli studiosi e degli amanti della Poesia ma anche di tutti coloro che hanno a cuore la cultura, l’amore per il bello e la tutela della propria lingua madre. Com’era prevedibile, al termine dell’interessante serata, quasi tutti i presenti e molti poeti si sono complimentati da vicino con lo scrittore jesino, che ha autografato con dedica parecchie copie dei due volumi del “Convivio in versi”. Pertanto, non si sbaglia nell’affermare che vera protagonista della bella manifestazione è stata davvero la Poesia grazie alla magia della parola.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it