A Urbino un corso per narratore del gusto

A Urbino un corso per narratore del gusto

A Urbino un corso per narratore del gusto

In programma dal 16 maggio al 10 giugno, diretto dal professor Rodolfo Coccioni, ordinario di Paleontologia. Si parlerà anche di cultura, tipicità italiane e comunicazione del benessere

A Urbino un corso per narratore del gusto URBINO – Dalle montagne al mare, passando per i borghi storici e le città d’arte.  La cucina marchigiana è un mix di profumi e sapori, di storia e tradizioni. Si tiene a Urbino, dal 16 maggio al 10 giugno al campus scientifico Enrico Mattei, il corso post lauream per “Narratore del gusto, della cultura e delle tipicità italiane, comunicatore di benessere”.

Il corso, presentato a Tipicità di Fermo, è finalizzato a formare nuove figure professionali capaci di comunicare e selezionare le qualità, l’unicità e l’autenticità delle produzioni italiane. Le iscrizioni sono già aperte (www.uniurb.it/it/portale). In totale, 250 ore distribuite in 78 frontali, 28 di stage, 22 per project work, 50 di visite e cene guidate, 64 di studio individuale e 8 per la prova finale. Direttore del corso è il professor Rodolfo Coccioni (nella foto), ordinario di Paleontologia.

“Il nostro Paese – spiega – è ricco di prodotti agroalimentari ed enogastronomici di alta qualità. Ed essi meritano di essere raccontati bene, attraverso parole che suscitino emozioni e rivelino la passione che l’artigiano del gusto ha cercato di mettere nel suo prodotto. Occorre perciò saper raccontare al pubblico cosa c’è dentro il prodotto buono, saper parlare della sua anima e del suo cuore per far parlare la mente e il cuore prima che arrivi al palato, saper raccontare perché un prodotto buono ha un valore così diverso da un altro simile e saper narrare la cultura e la bellezza del luogo nel quale questo prodotto buono nasce”.

Ampie le possibilità professionali con sbocchi nel settore dell’agroalimentare, del turismo enogastronomico, della comunicazione delle produzioni e della ristorazione e dell’hotellerie. Le attività formative si svolgeranno dal lunedì al venerdì. Sono previste verifiche didattiche intermedie per i diversi insegnamenti che avverranno durante le lezioni sotto forma di colloquio individuale e la presentazione di un report come prova finale. Il corso prevede il riconoscimento di 10 crediti formativi universitari (CFU). Ai partecipanti verrà rilasciato un attestato di partecipazione subordinato alla frequenza obbligatoria di almeno due terzi delle ore complessive di attività formative.

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it