Troppi furti a Senigallia, l’allarme sicurezza lanciato in diretta tv

Troppi furti a Senigallia, l’allarme sicurezza lanciato in diretta tvTroppi furti a Senigallia, l’allarme sicurezza lanciato in diretta tvTroppi furti a Senigallia, l’allarme sicurezza lanciato in diretta tv

Troppi furti a Senigallia, l’allarme sicurezza lanciato in diretta tv

Dalla Vostra Parte, la trasmissione di Rete 4, condotta da Paolo Del Debbio, si è collegata per la seconda volta, in prima serata, con la città

Troppi furti a Senigallia, l’allarme sicurezza lanciato in diretta tv Troppi furti a Senigallia, l’allarme sicurezza lanciato in diretta tv Troppi furti a Senigallia, l’allarme sicurezza lanciato in diretta tv Troppi furti a Senigallia, l’allarme sicurezza lanciato in diretta tv Troppi furti a Senigallia, l’allarme sicurezza lanciato in diretta tv Troppi furti a Senigallia, l’allarme sicurezza lanciato in diretta tv Troppi furti a Senigallia, l’allarme sicurezza lanciato in diretta tv

SENIGALLIA – Senigallia non è più l’isola felice che si continuava – forzatamente – a dipingere. Da tempo i cittadini se ne sono accorti. E si sono, giustamente, mobilitati. E l’allarme, rimasto inascoltato per troppo tempo, è stato ora lanciato in diretta televisiva. Due collegamenti (martedì e mercoledì) dalla spiaggia di velluto, in prima serata, dai canali di Rete 4, durante la trasmissione Dalla Vostra Parte, condotta da Paolo Del Debbio.

Collegati dal ristorante Ruspantino, alcuni cittadini esasperati, hanno protestato contro lo Stato e le Amministrazioni locali, responsabili di far poco per garantire la sicurezza. Sia nelle case, sia negli esercizi commerciali.

Ne è uscito uno spaccato pesante di una città che vuole trovare la forza per reagire. Un allarme che dovrebbe essere preso nella giusta considerazione, non solo dalle forze dell’ordine, ma anche dall’Amministrazione comunale.

Tra l’altro, va evidenziato che, proprio da Senigallia, è stata già avviata una petizione, rivolta al presidente del Consiglio Matteo Renzi ed al ministro dell’Interno Angelino Alfano per garantire la legittima difesa e per dire no al dilagare dei furti.

“In Italia ad oggi – si legge nella petizione – le leggi sono a sfavore di chi subisce un furto, si rischia di essere denunciati per difendere le proprie cose o i propri cari o di dover risarcire i malfattori, oppure si rischia la denuncia per sequestro di persona se chiudi un ladro in una stanza. È ora di cambiare, le leggi devono essere a favore delle persone oneste, sono i malfattori che si devono difendere con avvocati, non le vittime. Chiediamo pene più dure verso i reati di furti e tentati furti e rapine, anche verso quelle persone che vengono segnalati con attrezzi da scasso e viene dato loro solo il foglio di via dalla città e poi possono delinquere nel comune limitrofo, se stranieri vanno rimandati a casa. È ora di cambiare – si legge sempre nella petizione -. Pene più severe”.

Petizione che ha già ottenuto un migliaio di firme.

Il collegamento dal ristorante Ruspantino è stato arricchito da un servizio di Alessio Fusco sui sempre più numerosi furti avvenuti negli ultimi mesi tra Senigallia e Montemarciano. Gli interventi da Senigallia sono stati commentati dallo studio, oltre che dal conduttore Paolo Del Debbio, dai parlamentari Daniela Santanchè (Forza Italia), Lucia Borgonzoni (Lega Nord), Andrea Romano (Pd) e dal docente universitario Michele Karaboue.

Questo il link del servizio di Alessio Fusco, realizzato tra Senigallia e Marina di Montemarciano e trasmesso durante il collegamento dal ristorante Ruspantino:

http://www.video.mediaset.it/video/dallavostraparte/clip/sotto-assedio_600614.html

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it