Trasparenza e lotta alla corruzione, se ne parla venerdì a Fano

Trasparenza e lotta alla corruzione, se ne parla venerdì a Fano

Dibattito alla Mediateca Montanari con Chiara Putaturo di Transparency Italia e Paola Senesi di Libera Marche

Trasparenza e lotta alla corruzione, se ne parla venerdì a Fano

FANO – Venerdì 11 marzo alle ore 18, presso la Mediateca Montanari di Fano, si parlerà di trasparenza e lotta alla corruzione con la rappresentante di una delle organizzazioni non governative che più si battono per prevenire e contrastare questo fenomeno a livello internazionale: Chiara Putaturo di Transparency International Italia. L’incontro sarà coordinato da Paola Senesi, referente di Libera per la regione Marche. Il sesto appuntamento della rassegna “Con le parole giuste” si concentrerà appunto sulla parola “trasparenza” come sinonimo di responsabilità, legalità, rispetto, efficienza, contro il fenomeno della corruzione, una piaga della nostra società che coinvolge pubbliche amministrazioni, operatori economici pubblici e privati, politica e cittadini.

Secondo l’ultimo Rapporto corruzione, pubblicato da Transparency International all’inizio del 2016, l’Italia figura al 61° posto, penultima in Unione Europea, su 168 nazioni prese in considerazione. L’indice di percezione della corruzione (CPI) misura la percezione del fenomeno nel settore pubblico e nella politica attraverso interviste e sondaggi a economisti, uomini d’affari e istituzioni; a occuparsene sono le università e i centri di ricerca su incarico di Transparency International. Seppure sia pressoché impossibile misurare con parametri certi la corruzione, l’indice annuale di Transparency rimane tra i più autorevoli e viene frequentemente citato nei report dell’Ocse, della World Bank, della Commissione Europea, dalla Corte dei Conti italiana e da Confindustria. L’organizzazione collabora inoltre con l’Autorità Nazionale Anticorruzione (A.N.AC.), presieduta dal magistrato Raffaele Cantone, poiché la sinergia tra i vari soggetti è di vitale importanza al fine di ottenere cambiamenti a livello legislativo e culturale.

Chiara Putaturo, responsabile di diversi progetti all’interno di Transparency International Italia, discuterà del ruolo della trasparenza come anticorpo della corruzione e della correlazione tra corruzione e mancanza di trasparenza. “Questo termine” ci spiega, “si può declinare in strumenti di partecipazione civica e accesso alle informazioni, in Italia e all’estero, e in diversi settori (processo legislativo, appalti pubblici, pubblica amministrazione), ma ci sono anche dei limiti, se la trasparenza non è accompagnata da una responsabilizzazione e da una coscienza civica”. Tra gli obiettivi dell’organizzazione rientra infatti, oltre all’analisi dei vari fenomeni di corruzione e alla ricerca di soluzioni per contrastarla, la sensibilizzazione dell’opinione pubblica attraverso dibattiti, conferenze, incontri con gli studenti nelle scuole e nelle università. “La lotta alla corruzione” CON LE PAROLE GIUSTE 2015/2016. Rassegna realizzata da: Comune di Fano (Assessorato alle Biblioteche e alla Legalità Democratica, Mediateca Montanari, Biblioteca Federiciana), Fondazione Federiciana. In collaborazione con: Associazione Nazionale Magistrati – sezione Marche. Info: 0721 887 343, www.sistemabibliotecariofano.it

 

continua Chiara Putaturo, “è una responsabilità di tutti, ed ognuno può fare la sua parte per combatterla e prevenirla, e contribuire così al cambiamento verso una società più equa e rispettosa dell’interesse pubblico”.

A confrontarsi su questi temi, l’11 marzo, ci sarà anche Paola Senesi di Libera Marche, associazione che fin dalla sua fondazione nel 1995 opera per il rispetto delle leggi e la giustizia sociale contro tutte le mafie. Attualmente Libera coordina oltre 1600 associazioni, cooperative, gruppi, scuole, e attraverso campagne mirate, manifestazioni, dibattiti e progetti educativi, si impegna quotidianamente per diffondere la cultura della legalità, sensibilizzare a una maggiore partecipazione civica e sollecitare la politica per produrre innovazioni legislative. Libera è riconosciuta come associazione di promozione sociale dal Ministero del Lavoro.

Chiara Putaturo, abruzzese di nascita, ha conseguito gli studi politici ed economici presso rispettivamente le Università di Bologna e Firenze e, dopo alcune esperienze all’estero, dal 2011 è project officer di Transparency International Italia (TI-Italia). TI-Italia è la sede italiana dell’organizzazione internazionale Transparency International, nota a livello mondiale per la lotta e la prevenzione della corruzione. Presso TI-Italia è responsabile di diversi progetti nell’ambito della trasparenza nel settore degli appalti pubblici e nel settore politico e dell’educazione alla legalità.

Paola Senesi, originaria di Ascoli Piceno, è laureata in Economia bancaria, finanziaria, assicurativa all’Università di Macerata e ha conseguito un Master in Economia e legislazione antiriciclaggio. Da sempre attiva nell’associazionismo, è entrata a far parte di Libera nel 2007 e dal 2012 è diventata referente per le Marche. Nel 2014 è stata membro del Consiglio di Direzione della Scuola di Alta Formazione in Economia e Legislazione Antiriciclaggio, organizzata da Libera e Università degli studi di Macerata.

Sesto appuntamento della rassegna “Con le parole giuste”

Trasparenza: lotta alla corruzione, un modello educativo

Mercoledì 9 marzo – ore 17, Mediateca Montanari

Proiezione del film Un eroe borghese di Michele Placido

Venerdì 11 marzo – ore 18, Mediateca Montanari

Incontro con Chiara Putaturo di Transparency International Italia. Coordina Paola Senesi, referente Libera Marche

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it