Stracomunitari 2016, le foto in una bella mostra

Stracomunitari 2016, le foto in una bella mostra

Dopo la presentazione al Café Zepplin di Senigallia e una prima esposizione presso l’Istituto Alberghiero Panzini, giunge ora nei locali della Biblioteca Antonelliana

Stracomunitari 2016, le foto in una bella mostra Stracomunitari 2016, le foto in una bella mostra

SENIGALLIA – Esposte alla Biblioteca Comunale le fotografie realizzate per “Stracomunitari  2016”, il Progetto-calendario (II edizone) incentrato sui temi della  migrazione, promosso dal blog Stracomunitari e dalla Consulta dei Migranti di Senigallia.

Autori di questi scatti, artisti noti nel panorama della cultura fotografica del territorio,  sono Anna Mencaroni, Enea Discepoli, Giuseppe D’Emilio, Simona Buffelli, Marco Mandolini, Patrizia Lo Conte, Gianluca Rossetti, Massimo Mariselli, Mirko Silvestrini, Daniele Ferretti, Mauro Morandi, Venera Oi, Francesco Buontempi, Francesco Salvatori, Ennio Brilli, Francesco Zoppin. A tutti costoro, che hanno volontariamente messo a disposizione le loro opere, va il sentito ringraziamento degli organizzatori.

“Stracomunitari” è un piccolo gioco di parole che sottolinea una realtà: la presenza degli “extra-comunitari” non si può inquadrare univocamente, collegandola spesso ingiustamente a fenomeni legati all’illegalità o al crimine, causa di squilibrio nella nostra società. Questo termine, liberato dalla sua accezione negativa, ha motivato la nascita di questo calendario, che intende mostrare come la presenza di culture diverse sul  nostro territorio possa significare arricchimento culturale, guadagno sociale, sfida da affrontare nel modo migliore, senza lasciarsi travolgere  dai fantasmi dell’ignoranza e della paura.

L’intento di questa mostra perciò è quello di contribuire a creare una nuova consapevolezza: le paure vanno esorcizzate per lasciare maggiore spazio  alla speranza, alla solidarietà, alla fiducia, al rispetto reciproco:  l’altro non è un pericolo a priori, ma solo uno sconosciuto di cui non sappiamo  nulla e che non sa niente di noi.

Le foto di questo calendario, così come previsto dal progetto iniziale realizzato grazie alla fattiva collaborazione dell’Associazione Sena Nova di Senigallia, sono confluite in una Mostra che, dopo la presentazione presso il Café Zepplin di Senigallia e una prima esposizione presso l’Istituto Alberghiero Panzini, giunge ora nei locali della Biblioteca Antonelliana.

L’esposizione sarà visitabile presso la sala lettura in orario di apertura al pubblico della Biblioteca (Via O.Manni, 1) dal 18 marzo al 9 aprile.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it