In Sicilia premiato lo scrittore jesino Vittorio Graziosi

In Sicilia premiato lo scrittore jesino Vittorio Graziosi

Il libro “Sotto il segno della bilancia” ha ottenuto un nuovo riconoscimento. Sollecita la società civile a ripensare il problema degli “oversize”

In Sicilia premiato lo scrittore jesino Vittorio GraziosiJESI – Un nuovo riconoscimento per l’autore marchigiano Vittorio Graziosi giunge direttamente dalla Sicilia. Il suo libro “Sotto il segno della bilancia”, scritto insieme a Fabio De Nunzio e pubblicato per Aliberti editore, ha conquistato la giuria della 1° edizione del premio letterario “Leggere salva la vita” guadagnandosi una menzione speciale. Uno splendido risultato per lo scrittore, residente a Jesi, autore di numerosi romanzi di successo spesso trasposti per le scene (il recente lavoro basato su “Sangue di rosa scarlatta” è in questi mesi nei teatri con la compagnia LioLà di Cingoli), che giunge per un testo che sollecita la società a prendere coscienza del problema dell’obesità e dei pregiudizi con cui gli obesi si scontrano ogni giorno e che ha raggiunto la seconda edizione a pochi mesi dalla sua prima pubblicazione.

“Un buon libro convince per la sua vivacità, e riesce a coinvolgere le persone solo quando ha un tema intrigante e affascinante dentro, è portatore di un messaggio importante – dice Vittorio Graziosi, commentando il premio. – Il fatto che il premio venga da una realtà a me lontana come la Sicilia è il segno che il libro sta seguendo una vita propria, in grado di toccare tutti gli animi sensibili ai suoi contenuti”.

Il Premio speciale della giuria del 1° Premio Letterario “Leggere salva la vita” istituito da “Progetti di Armonia” nella città di Sortino (Sr) si aggiunge alle già decine di riconoscimenti che il testo ha guadagnato per i meriti sociali e per la qualità letteraria. Un libro che ha scosso l’opinione pubblica e ha mirato al cuore del problema dell’obesità, risultando forse l’unico in Italia che tratti lo stigma dell'”oversize” con empatia, aiutando la società civile a valutare il problema da nuove prospettive

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it