San Costanzo ricorda Costanza Monti Perticari

San Costanzo ricorda Costanza Monti Perticari

Appuntamento sabato al Teatro Della Concorda in occasione della Giornata internazionale della donna

San Costanzo ricorda Costanza Monti Perticari

 

SAN COSTANZO – Sabato 12 marzo, con inizio alle 9,45, al Teatro “Della Concordia“ di San Costanzo si svolgerà un importante evento culturale.

Il “Centro Studi Giulio Perticari”, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale e la Fondazione “Cassa di Risparmio di Fano”, organizzerà un incontro dedicato alla figura di Costanza Monti Perticari, figlia di Vincenzo Monti e Teresa Pikler e moglie del conte Giulio Perticari, che morì a San Costanzo a Palazzo Cassi il 26 giugno 1822.

Costanza, figura di spicco nella realtà letteraria del primo Ottocento, verrà ricordata in occasione della Giornata Internazionale della Donna.

Importanti i relatori che disserteranno sui tanti aspetti della personalità della giovane contessa e sulla condizione della donna agli inizi del diciannovesimo secolo.

Dopo i saluti del sindaco Margherita PEDINELLI e del presidente del “Centro Studi Perticari” Giuliano LUCARINI, si alterneranno nei vari interventi Silvia CECCHI magistrato e sostituto procuratore della Repubblica di Pesaro, Alberto BERARDI storico di Fano e vicepresidente della Fondazione, l’avvocato Umberto CHIOCCI di Pesaro e Paolo VITALI storico di San Costanzo e vicepresidente del “Centro Studi”.

Lucia FERRATI leggerà alcuni brani dagli scritti di Costanza. Il quartetto di archi “OUTIS” eseguirà musiche di Brahms.

La finalità del convegno – dichiara il Vice Presidente Paolo Vitali – è quella di divulgare e far conoscere alla cittadinanza e soprattutto ai giovani una fondamentale pagina della nostra storia.

Al termine dell’evento verranno donati ai presenti i volumi “Le tredici vite di Costanza Monti Perticari” di Silvia Cecchi e “Palazzo Cassi a San Costanzo” di Paolo Vitali.

All’iniziativa parteciperanno anche gli studenti delle scuole medie che interagiranno con i relatori.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it