Jesi città cardioprotetta e cardioformata

Jesi città cardioprotetta e cardioformata

L’Associazione “Save your life” di Jesi con la collaborazione del Centro Sportivo Italiano e della Cometech organizza un corso di rianimazione cardio-polmonare e manovre di disostruzione

Jesi città cardioprotetta e cardioformata Jesi città cardioprotetta e cardioformata

JESI – Non solo cardioprotetta, anzi tra le città più cardioprotette d’Italia, ma anche cardioformata.

Perché è importante avere a disposizione i defibrillatori nei luoghi di grande affluenza di pubblico – e Jesi ne può contare davvero tanti – ma è fondamentale che vi siano pure persone in grado di utilizzarli nella maniera migliore.

Nasce da questa considerazione l’iniziativa che da oggi e fino a lunedì prossimo vede l’Associazione “Save your life” di Jesi con la collaborazione del Centro Sportivo Italiano e della Cometech organizzare un corso di rianimazione cardio-polmonare e manovre di disostruzione con la partecipazione di educatori, allenatori, genitori. Una quarantina i partecipanti ai corsi, suddivisi in sessioni teoriche e pratiche, che insegnano a tutti ad affrontare ed a gestire in maniera appropriata le semplici manovre che possono davvero fare la differenza in caso di bisogno.

Durante le lezioni tecnici abilitati spiegheranno come riconoscere una persona in arresto cardiaco, come effettuare la corrtta procedura di rianimazione cardio polmonare, diventando  così abilitati ad utilizzare il defibrillatore automatico esterno. L’occasione permetterà inoltre di conoscere le manovre di disostruzione delle vie aeree da corpo estraneo di un lattante, di un bambino o di un adulto.

Ad oggi, grazie soprattutto alla donazione della Cometech, società jesina fondata da Stefano Fabbi e certificata come Benefit-Corpoation, sono una quarantina i defibrillatori presenti in città, tra cui ben 12 tra palestre e campi sportivi e 24 nelle scuole dell’obbligo. Proprio nelle scuole sarà presto organizzato un nuovo corso di aggiornamento, sempre a cura della Cometech, con l’obiettivo di formare sia gli insegnanti ed istruire i ragazzi alla prevenzione cardiologica quale investimento fondamentale per la loro salute.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it