Gemellaggio tra San Lorenzo in Campo e Svit, l’ufficialità in Slovacchia

Gemellaggio tra San Lorenzo in Campo e Svit, l’ufficialità in SlovacchiaGemellaggio tra San Lorenzo in Campo e Svit, l’ufficialità in Slovacchia

Gemellaggio tra San Lorenzo in Campo e Svit, l’ufficialità in Slovacchia

E’ il primo nella storia del Comune laurentino. Il sindaco Davide Dellonti: “Opportunità enorme di crescita”

Gemellaggio tra San Lorenzo in Campo e Svit, l’ufficialità in Slovacchia

SAN LORENZO IN CAMPO – Progetti ambiziosi, collaborazioni prestigiose, sinergie per lo sviluppo turistico, economico e culturale che merita San Lorenzo in Campo. In questo brillante e proficuo percorso intrapreso dall’Amministrazione comunale guidata dal giovane sindaco Davide Dellonti, s’inserisce il gemellaggio con la città slovacca di Svit, il primo nella storia del comune laurentino, in provincia di Pesaro e Urbino, sottoscritto ufficialmente in Slovacchia nei giorni scorsi. Una immensa opportunità di scambio culturale, turistico, produttivo, sportivo, gastronomico con una vivace e in forte sviluppo realtà dell’Est Europa, conta circa 7mila abitanti, che, come San Lorenzo in Campo, sta puntando decisa sul turismo e sulle eccellenze locali. Il primo cittadino laurentino dopo l’approvazione del progetto in consiglio comunale, si è recato nel week-end in terra slovacca, completamente a sue spese, per la parte istituzionale del gemellaggio, visitare la città e conoscere gli amministratori di Svit.

Al sindaco Davide Dellonti è stata riservata una accoglienza eccezionale da parte del collega Miroslav Skvarek, che aveva conosciuto già diversi mesi fa durante la fase progettuale del gemellaggio, e da tutto il consiglio comunale. Dopo le firme per rendere ufficiale l’unione, Dellonti si è soffermato a parlare con gli amministratori slovacchi per approfondire tutti gli aspetti del gemellaggio e renderlo operativo. Un gemellaggio tra due realtà che tanto hanno in comune, dalla voglia di emergere dal punto di vista turistico alle eccellenze enogastronomiche, fino ad arrivare al cicloturismo. Quindi il tour del territorio, dalla città, con la casa della cultura, il teatro, la biblioteca, alla enorme zona industriale, fino alle affascinanti e suggestive montagne della catena degli Alti Tatra che circondano Svit e che rappresentano un fortissimo richiamo per i turisti, essendo le piste da sci e resort attrezzati raggiungibili in appena 15 minuti da Svit. Dellonti ha poi visitato gli istituti scolastici, le strutture sanitarie e sportive, conosciuto associazioni, il coro musicale della città, il gruppo folkloristico ed ha avuto anche il piacere di assistere ad una partita di basket della squadra locale che milita nella massima serie slovacca. Molto tempo è stato dedicato all’aspetto enogastronomico del gemellaggio. Svit è sede Slow Food, e il sindaco ha potuto conoscere e degustare i prodotti tipici locali, a base di prodotti del bosco dei Tatra, carni locali e insaccati tipici, legumi e verdure, spezie e condimenti particolari, e visitare anche un piccolo laboratorio di Svit che produce ben 5 varietà di birra artigianale: una vera eccellenza.

“E’ stata un’esperienza stupenda – spiega Dellonti – in una realtà accogliente in grande sviluppo, a contatto con amministratori e cittadini gentili e brillanti. Per noi questo gemellaggio rappresenta un’opportunità di crescita straordinaria a livello turistico, culturale ed economico. Avremo la possibilità di sviluppare nuove tecniche di cooperazione, nonché scambiare esperienze, conoscere nuove culture e linguaggi, rafforzare la cittadinanza europea attiva. Ho constatato un enorme entusiasmo da parte della comunità slovacca nei nostri confronti e grande apprezzamento per il nostro territorio che vogliono venire a visitare al più presto. Presto insieme decideremo le date. Sarà un gemellaggio proficuo e vivo che partendo dall’amicizia istituzionale porterà importanti benefici ai nostri produttori, operatori turistici e, in generale, a tutta la cittadinanza. Svit e la Slovacchia rappresenteranno per San Lorenzo in Campo una grande vetrina. Avremo la possibilità di far conoscere le nostre eccellenze sia enogastronomiche che storico artistiche con sicuri benefici commerciali, economici e culturali. Sono già diverse le idee che con gli amministratori slovacchi abbiamo deciso di sviluppare. Tra i tanti progetti, uno scambio enogastronomico che vedrà protagoniste la loro eccellente birra e i nostri vini e prodotti tipici, e un altro che vedrà al centro il cicloturismo sul quale entrambi puntiamo molto. Loro ospitano una gara nazionale di mountain-bike, nel 2017 ci saranno dei campionati europei e stanno realizzando percorsi cicloturistici, e mi hanno manifestato il desiderio di venire a visitare il nostro territorio in bicicletta. Questo con Svit – conclude Dellonti – non sarà l’unico gemellaggio che la nostra amministrazione svilupperà. Stiamo seguendo infatti altri filoni di gemellaggi, si sta lavorando su quello religioso e musicale per continuare il percorso di crescita e sviluppo di un paese che tanto amiamo”.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it