Appaltati i lavori per il Polo scolastico di Moie

Appaltati i lavori per il Polo scolastico di Moie

Appaltati i lavori per il Polo scolastico di Moie

Si tratta del terzo stralcio. Ad aggiudicarsi la gara è stata la ditta Torelli Dottori SpA di Cupramontana

Appaltati i lavori per il Polo scolastico di Moie Appaltati i lavori per il Polo scolastico di Moie

MAIOLATI SPONTINI – L’Amministrazione comunale ha affidato i lavori del terzo stralcio del Polo scolastico di via Venezia a Moie. Ad aggiudicarsi la gara è stata la ditta Torelli Dottori SpA di Cupramontana. Relativamente all’aggiudicazione, è pendente un ricorso al TAR Marche che, pur respingendo la domanda incidentale di sospensione, ha rinviato il giudizio.

Il sindaco Umberto Domizioli e l’assessore ai Lavori pubblici Giancarlo Carbini spiegano come “avremmo dovuto aspettare per l’esito del ricorso tempi estremamente lunghi, oltre un anno, un tempo non accettabile per il Comune di Maiolati Spontini, sia per i vincoli del Patto di stabilità e sia per il prolungarsi della fase provvisoria che vede la scuola primaria e la secondaria di primo grado nello stesso edificio. A questo punto il Comune, confermando la bontà dell’operato della commissione di gara, ha preso la decisione di avvalersi dei poteri che la normativa prevede e quindi di procedere con l’affidamento dei lavori alla ditta Torelli  Dottori Spa”.

Questa vicenda ci insegna comunque quanto sia urgente in Italia avere chiarezza sulla normativa che regola gli appalti, una legge che troppe volte è stata cambiata, che continua ad essere cambiata e che ogni volta fornisce appigli per interpretazioni diverse e conseguenti ricorsi con dannosissimi ritardi.

Il terzo stralcio dei lavori del Polo scolastico è “una tappa fondamentale per il completamento dell’opera più importante del comune di Maiolati Spontini: un’opera che guarda al futuro e ai giovani”, spiegano il sindaco Domizioli e l’assessore Carbini. Una scuola, anche nel terzo stralcio, realizzata con criteri all’avanguardia, innovativi sistemi di isolamento termico, acustico e pannelli solari fotovoltaici, e dotata perfino di un giardino pensile. Un luogo ideale per ospitare circa 600 tra bambini e ragazzi della scuola primaria e secondaria. Il terzo stralcio, per un importo a base di appalto di 3 milioni e 250.179 euro, riguarda la realizzazione della prima parte della scuola secondaria di primo grado, dell’auditorium e dell’ingresso principale, che interessa anche la scuola primaria, visto che quello attuale sarà riservato ai soli insegnanti e ai dipendenti. Fra i miglioramenti previsti nel terzo stralcio, la sistemazione delle aree verdi a ridosso dell’edificio, la realizzazione di un campo da gioco polifunzionale sulla copertura dell’auditorium, il potenziamento dell’impianto fotovoltaico.

Il polo scolastico è stato realizzato e sarà completato con fondi ottenuti dai proventi della discarica, come è successo per il complesso culturale “eFFeMMe23” la biblioteca La Fornace.

Il complesso scolastico di via Venezia è entrato in funzione a settembre del 2012 con l’inizio delle attività didattiche della scuola primaria. Tanti gli elementi di interesse e in alcuni casi di unicità della struttura. Non solo l’attenzione al risparmio energetico  ed al verde ma anche la bellezza degli ambienti dal punto di vista estetico, e il progetto di comunicazione creato ad hoc per la scuola, dove la grafica è al servizio dell’architettura. Vi è una segnaletica costituita da forme geometriche tridimensionali e “divertenti” che ricordano i baloon dei fumetti. I segnali degli spazi dedicati ai ragazzi, come i laboratori o la mensa, hanno testi tradotti nelle 4 lingue insegnate a scuola.

Il plesso della primaria completato ha interessato una superficie di 4.710 metri quadrati, per un costo al metro quadrato di circa 1.200 euro. I metri quadrati di fotovoltaico realizzato sono 305, mentre di giardini pensili sono 1.069. Con il completamento del terzo stralcio, il polo scolastico si svilupperà su un terreno di 13.200 metri quadrati. Il complesso,una volta terminato, occuperà un’area di 21.000 metri quadri e  avrà una superficie complessiva, ripartita su due piani, di 8.836 metri quadrati, con 5.252  di superficie coperta. Le classi saranno 20 per la scuola primaria e 12 per la secondaria di primo grado. L’auditorium ospiterà fino a 270 posti, la mensa 310 posti. Ognuno dei due plessi sarà dotato di sette laboratori: musicale (insonorizzato), artistico, informatico, di scienze, interculturale, linguistico, e multimediale (per 50 posti) ed una biblioteca.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it