Andrea Bomprezzi: “Indegno chi viola la scuola”

Andrea Bomprezzi: “Indegno chi viola la scuola”

Ad Arcevia parte un progetto per la sicurezza dei cittadini. Con il protocollo della Prefettura “Controllo del vicinato” maggiore collaborazione con le forze dell’ordine

Andrea Bomprezzi: “Indegno chi viola la scuola”

di ANDREA BOMPREZZI*

ARCEVIA – Sono indignato come uomo, professore e sindaco di Arcevia per quanto accaduto negli scorsi giorni nell’edificio scolastico comunale, con il maldestro tentativo di scasso e di furto. Veder violata la sacralità della scuola, vedere i danni provocati da questi infami – porte, cassaforti e mura distrutti – con costi a carico di tutta la comunità, mi ha profondamente rattristato.

Entrare furtivamente nella scuola, cercare di rubare nel tempio dell’educazione, è come essere entrati vigliaccamente nell’anima di ognuno di noi, è come aver calpestato ogni persona che ha frequentato quel luogo, che lavora con sacrificio e passione per la scuola, ogni alunno che vive giornalmente quegli spazi come luogo per apprendere, socializzare e crescere.

L’ennesimo cattivo esempio a danno delle nuove generazioni. Ma per fortuna ci sono ben altre figure che rappresentano il mondo adulto.

Sottoscrivo in pieno il comunicato del Dirigente scolastico, intelligente ed acuto, come ringrazio l’Arma dei Carabinieri che sta lavorando alacremente per comprendere chi è stato, insieme alla polizia municipale, e un bravo all’ufficio tecnico che si è subito mosso per cercare di sistemare ciò che è stato vigliaccamente danneggiato.

L’amministrazione comunale, vista anche la sequenza di furti che sta colpendo il territorio comunale negli ultimi mesi, danneggiando materialmente i cittadini e le imprese locali, ma soprattutto creando quel senso di insicurezza che ci rende tutti più fragili e vulnerabili, ha approvato in giunta un protocollo d’intesa della Prefettura di Ancona chiamato “Controllo del vicinato”.

A seguito della sottoscrizione del Protocollo verrà avviata una nuova collaborazione tra cittadini, forze dell’ordine, associazioni di categoria, amministrazione comunale e i comitati delle frazioni, che creerà un coordinamento e una rete locale, per avere un controllo del territorio più efficace ed efficiente.

Dopo Pasqua ci sarà un primo incontro in cui si presenterà il progetto per dare una seria risposta istituzionale ad un problema reale, che i cittadini sentono in modo prioritario.

*Sindaco di Arcevia

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it