A Senigallia uno show senza eguali dei Negrita

A Senigallia uno show senza eguali dei Negrita

A Senigallia uno show senza eguali dei Negrita 

La rock band aretina infiamma il Mamamia con tutto il suo vasto repertorio

A Senigallia uno show senza eguali dei Negrita

SENIGALLIA – Ci metteranno qualche giorno per recuperare le forze e soprattutto la voce i tantissimi fans che ieri, sabato 12 marzo, hanno presto d’assalto il Mamamia di Senigallia per assistere all’incredibile show dei Negrita. La rock band aretina ha infiammato il club di via Fiorini con tutto il suo repertorio, dalle nuove hit alle pietre miliari della sua carriera.

Un live aperto da Hey! Negrita e War (primo e secondo album della band) che hanno scaldato ottimamente l’ambiente facendo capire l’impronta dello show: un atmosfera molto cruda fatta di rock e adrenalina.

Si canta e si salta a perdifiato sotto e sopra il palco senza sosta. Poche pause, giusto il tempo di uno scambio di battute tra un pezzo e l’altro. La prima parte dello show si chiude dopo un’ora sulle note dolci di Hollywood, passando però per le intramontabili Negativo, In Ogni Atomo, Militare, Poser e Bambole (questa cantata a squarciagola da tutto il Mamamia).

La seconda parte del live è stata invece caratterizzata dalle sonorità latine che hanno racchiuso i lavori dei Negrita negli anni Duemila. Quindi vai con Radio Conga, la celebre Rotolando Verso Sud, Alzati Teresa… Ma la vera ovazione è arrivata per Ho imparato a sognare, storica hit romantica e melodica nei cuori di tutti i fan da sempre. Ma il rock nudo e crudo è tornato prorompente a fine concerto: Cambio, Transalcolico e, infine, Mama Maè: un tris che non lascia scampo ai presenti che non possono fare a meno di scatenarsi come in un’arena. “Mama Maè, prega perché il mondo va più veloce di me”… No, stavolta sono stati I Negrita a correre più forti di tutti.

Insomma, un successo annunciato e ampiamente confermato per i Negrita che si sono dilungati parecchio a fine concerto per ringraziare il mare di persone accorse da ogni parte della regione.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it