Ovazione al Teatro La Fenice per Stefano Accorsi

Ovazione al Teatro La Fenice per Stefano Accorsi. A Senigallia l’attore è stato il protagonista del Decamerone

Ovazione al Teatro La Fenice per Stefano Accorsidi VINCENZO PREDILETTO

Ovazione al Teatro La Fenice per Stefano Accorsi / SENIGALLIA – Il bravissimo e poliedrico attore bolognese Stefano Accorsi, quasi al termine del suo tour nei teatri delle Marche, ha portato in scena – venerdì sera 29 gennaio al  Teatro La Fenice di Senigallia gremitissimo in ogni ordine di posti e settori – il “Decamerone – vizi, virtù, passioni” tratto liberamente dal celebre capolavoro trecentesco di Boccaccio a cura dell’abile ed esperto regista Marco Baliani. Si tratta, in effetti, del secondo capitolo del progetto “Grandi Italiani” dopo lo straordinario successo dell’Orlando Furioso di Ariosto negli anni scorsi, mentre il prossimo sarà “Il Principe” di Machiavelli. Sono state rappresentate sette divertenti e sagaci novelle di contenuto erotico, con testi e storie ancora molto attuali sui temi dell’Amore e della Fortuna –prendendo spunto dalla terribile peste del 1348 che colpì Firenze e tutta l’Europa e mettendo in rilievo la crisi morale della società contemporanea – che esaltano il potere dell’amore e soprattutto l’intelligenza e la praticità delle donne in ogni situazione scabrosa o fortemente problematica. Il regista ha brillantemente adattato la complessità del testo in volgare del ‘300 semplificando la costruzione delle frasi, sicchè Stefano Accorsi , Silvia Ajelli, Salvatore Arena, Silvia Briozzo,  Fonte Fantasia e Mariano Nieddu , usando in modo convincente le parole originali e muovendosi con solido affiatamento  davanti, attorno e dentro un colorato carro-furgone parcheggiato sulla scena a mo’ di casa e teatro viaggiante, hanno saputo ammaliare e divertire il pubblico, quanto mai generoso per i frequenti e lunghi applausi. Il talento riconosciuto e l’interpretazione convincente di Accorsi nel ruolo di Maestro e Capocomico di un’allegra Compagnia di giro, unitamente alla bravura degli  altri cinque attori impegnati tutti nelle sette novelle raccontate con brio e gradevole ritmo, la scenografia ed i costumi a cura di Carlo Sala, le luci regolate da Luca Barbati, la drammaturgia di Maria Maglietta nonché la suggestione della parola e l’intreccio narrativo del geniale Boccaccio , a nostro parere,rendono  questo spettacolo davvero imperdibile ed appagante, sia per chi ha letto ed apprezzato sui banchi di scuola il capolavoro del grande scrittore toscano sia per gli appassionati habituè dei teatri di prosa.

Ovazione al Teatro La Fenice per Stefano Accorsi Ovazione al Teatro La Fenice per Stefano AccorsiAl termine dell’applauditissima rappresentazione, a sorpresa, nel foyer del Teatro dove alcuni spettatori stavano ammirando le stupende creazioni in maschera dei fratelli Anna e Lorenzo Marconi, quattro nuovi costumi esposti in anteprima  per il Carnevale di Venezia 2016, è comparso proprio Stefano Accorsi il quale in modo simpatico si è lasciato attorniare da un nugolo di donne e fan prestandosi gentilmente per qualche rituale foto di gruppo, ricevendo nel frattempo altri meritati complimenti e gradevoli baci.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it