L’Università di Urbino piange la scomparsa di Umberto Eco

L’Università di Urbino piange la scomparsa di Umberto Eco

L’Università di Urbino piange la scomparsa di Umberto EcoURBINO – Umberto Eco ha segnato la storia della cultura italiana e ha accompagnato in parallelo anche quella dell’Università di Urbino. Con Carlo Bo in particolare, Eco condivise le attività e le pubblicazioni del Centro Internazionale di Semiotica, fondato dal Magnifico assieme a Paolo Fabbri e Pino Paioni, fin dal primo convegno, dedicato ai “Metodi di analisi della narrazione” tenutosi dal 20 al 26 luglio 1967, con la sua relazione intitolata “Analisi di una “histoire drôle”.

Il coronamento di questo rapporto fu la lectio magistralis “L’Università nell’universo massmediatico” tenuta da Eco il 28 gennaio 2006 in occasione del Cinquecentesimo anno di vita dell’Ateneo. In quella occasione, il grande scrittore e semiologo prefigurò il crescente e ineludibile ruolo dello studio nello sviluppo di una coscienza critica collettiva di fronte alle sfide della comunicazione globale.

Lo splendido intervento dell’autore di “Apocalittici e integrati” è visibile integralmente (dal minuto 01:08:00) all’indirizzo

http://webtv.uniurb.it/2005/12/21/cerimonia-di-inaugurazione-anno-accademico-2005-2006/

Nella foto: Umberto Eco riceve il sigillo dell’Ateneo dal rettore Giovanni Bogliolo al termine della cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2005-2006  (foto di Paolo Bianchi)

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it